Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Sport
  • Il Premio Mecenate dello Sport 2022 a Bebe Vio

VIDEO
colonna Sinistra

Il Premio Mecenate dello Sport 2022 a Bebe Vio

La campionessa paralimpica: un onore rappresentare questo Premio

Roma, 3 ott. (askanews) – Lo sport e le sue sfide come occasione di inclusione e confronto costruttivo. Questi i valori che hanno animato la decima edizione del Premio Mecenate Dello Sport “Varaldo Di Pietro”, assegnato a Bebe Vio, straordinaria atleta, campionessa paralimpica e simbolo dello sport italiano e internazionale, durante una cerimonia a Roma.

“E’ un onore poter rappresentare questo tipo di Premio e dare una spinta ai giovani a fare di più e a impegnarsi, sia nello sport che nella vita”, ha detto Bebe Vio.

Il presidente della Fondazione Varaldo Di Pietro, Giovanni Di Pietro. “E’ un traguardo molto bello, simbolico, non solo numericamente ma anche per il prestigio del vincitore. Bebe Vio è la migliore testimonial per il valore dell’inclusione, la tenacia, il coraggio. Un premio nato proprio con questa intenzione”.

Durante la cerimonia è stato assegnato anche il premio del giornalismo sportivo a Claudio Arrigoni, esperto di sport paralimpici e Special Olympics, firma de il Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport. A fare gli onori di casa la Vice Presidente Vicario del Coni, Silvia Salis, e fra gli ospiti d’onore anche la stella olimpica inserita nella Walk of fame Coni, Jury Chechi, insieme ad un altro campione italiano, Martin Castrogiovanni, rugbista azzurro e grande amico di Bebe Vio, che le è stata vicino, tutti i giorni per mesi, sostenendola in braccio e sulle spalle per consentirle la necessaria riabilitazione dopo gli interventi chirurgici subiti dalla campionessa veneziana.

CONDIVIDI SU:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su