Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Nella foresta del presente, la delicatezza di Olmo Missaglia

VIDEO
colonna Sinistra

Nella foresta del presente, la delicatezza di Olmo Missaglia

Dalla Biennale Teatro un giovane autore inizia a brillare

Milano, 5 lug. (askanews) –

*** file Olmo Missaglia cop

*** file Olmo Missaglia Itw

*** file Olmo Itw Forte

Venezia, 5 lug. (askanews) – Il teatro è un luogo dove le domande sul presente trovano uno spazio di risonanza, una formulazione capace di unire messa in scena e verità. Succede così anche con “Una foresta”, lo spettacolo di Olmo Missaglia selezionato da Biennale College e approdato a Venezia, alla Biennale Teatro diretta da ricci/forte. Un progetto corale, anche nella scrittura scenica, che racconta di tre giovani e una voce narrante sperduti nel territorio silvano del nostro tempo.

“In realtà – ha detto Olmo Missaglia ad askanews – la storia non è la cosa più importante del progetto, nel senso che è un espediente che ci permette poi di attraversare il terreno dell’immaginario, dei sogni, delle proiezioni del futuro delle paure: tutta una serie di sensazioni contraddittorie, anche di smarrimento, che si possono provare al momento del passaggio all’età adulta. Il tentativo che noi facciamo nel progetto è quello di aprire delle brecce di immaginario per emanciparci da questo reale che a volte è molto opprimente e ci toglie completamente la capacità di sognare”.

Sulla scena, concepita come spazio vuoto e di possibilità, gli attori si muovono con quella che possiamo solo definire “onestà”, un’onestà che è artistica e generazionale, strutturata e del tutto esposta. Si sente l’eco di un tempo disperso, frammentato, soggiogato dalla dominazione digitale, ma in essa i personaggi trovano spazi di identità e anche, per quanto possibile, di una felicità che sembra poter raccogliere e riutilizzare le tracce culturali della società di massa. Che, possa piacere o meno, è quella in cui i protagonisti sono chiamati a muoversi e a fare i conti. Ciascuno a suo modo, sotto lo sguardo, che non perde mai attenzione e tenerezza, del regista.

“Quello che poi fanno gli attori e le attrici – ha aggiunto Missaglia – sono tentativi di raccontarsi attraverso le loro esperienze, che sono spesso contraddittorie, ma anche segnate dall’immaginario collettivo e popolare”.

La foresta è vasta, a tratti sembra impenetrabile, ma è sempre riconoscibile in quanto contemporanea. E il progetto di Missaglia si inserisce alla perfezione nel ragionamento sui confini della drammaturgia che la Biennale Teatro 2022 ha portato avanti con lucidità e un fortissimo senso di ragionamento sul presente, il nostro presente.

“È un lavoro – ci ha detto Gianni Forte, direttore della Biennale Teatro 2022 insieme a Stefano Ricci – che mi dà fiducia e mi commuove perché ritrovo un’energia limpida, una delicatezza, in un mondo di rumori, di frastuoni e di rimbombi”.

Ecco, la questione, sedendo in sala, sembra essere proprio questa: Olmo Missaglia e i suo attori hanno ascoltato e fatto proprio tutto quel rumore e quel frastuono, e ne hanno fatto un’opera delicata, struggente, che naviga nelle tristezze di una generazione, ma che sa anche brillare di quella parola impossibile che, in italiano, suona come “speranza”.

(Leonardo Merlini)

CONDIVIDI SU:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su