Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Pizzagalli: sostenibilità come passaporto per il mercato estero

VIDEO
colonna Sinistra

Pizzagalli: sostenibilità come passaporto per il mercato estero

L'esperienza della Fumagalli Salumi al Giro d'Italia della CSR

Milano, 25 feb. (askanews) – Sostenibilità come requisito indispensabile per operare sui mercati esteri, culturalmente e sostanzialmente più attenti alle tematiche ambientali e al rispetto dei parametri ESG in senso complessivo. E’ l’esperienza diretta maturata dalla Fumagalli Salumi, gruppo agroalimentare del comasco con 180 addetti e oltre 60 milioni di fatturato, il 70% del quale generato all’estero.

Un’esperienza che può essere raccontata come un percorso sviluppo maturato negli anni e definito spesso anche da specifiche e puntali richieste dei partner di affari. “Ci dicevano: il prodotto non è più sufficiente – racconta Francesco Pizzagalli, amministratore delegato della Fumagalli Salumi – vogliamo conoscere meglio chi fa il prodotto lungo tutta la filiera”.

“L’implementazione è avvenuta quando all’interno del concetto molto largo di filiera si è cominciato a intervenire su aspetti come il benessere animale – prosegue Pizzagalli – Questo ha voluto dire investimenti; riorganizzazione della struttura e degli allevamenti; ricerca di professionalità adeguate. Gradualmente oltre benessere animale l’impegno ha coinvolto i siti produttivi, la ricerca e sviluppo, con interventi e risultati diversi. Ad esempio, siamo passati da vaschette completamente di plastica, a vaschette che hanno il 75 per cento di carta. Ultimo passaggio di questo percorso è il prodotto biologico, che sono diventati importanti intorno al 2014 2015 fino a diventare un elementi fondamentali, il che ha voluto dire mettere in piedi una filiera e un sistema di linea interamente biologico quindi anche qui abbiamo allevamenti biologici e l’intero percorso produttivo per garantire questo tipo di prodotto”.

Pizzagalli – che è intervenuto in streaming alla tappa di Como del Giro d’Italia della CSR, il viaggio organizzato dal Salone della CSR e dell’innovazione sociale per scoprire e dare visibilità ad esempi virtuosi di sostenibilità – ha a lungo parlato anche di come sia cambiato l’atteggiamento dei partner di affari riguardo le reali pratiche di sostenibilità messe in atto dall’azienda. “Oggi forse ciò che costituisce un elemento di novità è soprattutto la necessità da parte delle catene di controllare ed entrare nel merito di quanto prima era solo sottoscritto nelle diverse dichiarazioni – racconta l’amministratore delegato della Fumagalli Salumi – Ad esempio ora nella stesura dei contratti viene chiesta anche la presentazione del Bilancio di responsabilità sociale e di documenti che attestino che quanto affermato sia vero. Quindi i partner di affari vogliono conoscere dettagliatamente il percorso dell’impresa: come sei oggi, e gli obiettivi per il futuro. E devo dire che questa richiesta negli ultimi due anni ci viene fatta anche dalle banche”.

L’amministratore delegato della Fumagalli Salumi nel suo intervento ha sottolineato poi come gli investimenti in sostenibilità si siano risolti in un importante consolidamento della posizione di mercato. “Diciamo che inizialmente gli investimenti in sostenibilità sono stati interpretati come un rischio di impresa – conclude Pizzagalli – Noi abbiamo fatto grossi investimenti sia sugli allevamenti sia sulle strutture produttive. Però devo dire che molti mercati hanno risposto pagando adeguatamente il valore del prodotto. E’ un paradosso che non sia così su tutti i mercati. All’estero vale quasi esclusivamente questo tipo di impostazione e il valore della sostenibilità viene riconosciuto. La cosa è molto più difficile e molto più complessa in Italia. Qualcosa si sta muovendo in questi ultimi due anni. Su molti mercati dove lavoriamo e soprattutto con certe tipologie di catene determinati passaggi in chiave di sostenibilità sono stati vissuti non come una moda del momento, ma avevano già una prospettiva di quello che sarebbe stata l’evoluzione all’interno del sistema dei consumatori”.

Entro giugno il Giro d’Italia della CSR toccherà in tutto 15 città, segnando un virtuale percorso di avvicinamento all’appuntamento nazionale del Salone previsto a Milano, in Bocconi, per il 12 e 13 ottobre 2021.

( luca.ferraiuolo@askanews.it )

CONDIVIDI SU:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su