Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Il coronavirus nel mondo: il vaccino da Israele all’Iran

VIDEO
colonna Sinistra

Il coronavirus nel mondo: il vaccino da Israele all’Iran

Immagini da tutto il pianeta sull'emergenza Covid-19

Milano, 8 gen. (askanews) – Le immagini sull’emergenza Covid-19 nel mondo nella prima settimana del nuovo anno, 2-8 gennaio 2021, con le vaccinazioni da Israele all’Iran.

ISRAELE

Si chiama “ritorno alla vita” ed si ripromette di essere per gli israeliani una campagna vaccinale estremamente capillare per dire addio al Covid 19. Nelle immagini gli operatori sanitari al centro dei servizi sanitari di Clalit nella città israeliana ultra-ortodossa di Bnei Brak.

Lo stato ebraico guida la classifica mondiale con la più alta percentuale di cittadini vaccinati. Il premier Benyamin Netanyahu ha promesso che Israele sarà il primo paese al mondo ad uscire dalla pandemia, entro fine marzo, e ha annunciato l’arrivo di nuove partite di vaccini Pfizer oltre a quelli giunti con il primo carico di dosi Moderna.

INDIA

L’approvazione d’emergenza da parte dell’India di Covaxin (Bharat Biotech) un vaccino contro il coronavirus prodotto nel Paese ha fatto arricciare il naso a molti esperti. Intanto però Nuova Delhi ha dato l’ok al suo farmaco insieme con quello di AstraZeneca, anch’esso prodotto in India.

Per il primo ministro Narendra Modi è l’approvazione come un “punto di svolta”. L’India è il più grande produttore di vaccini al mondo, prevede di vaccinare 300 milioni di persone nella prima metà del 2021. Punta a cominciare dalla prossima settimana e intanto il personale si esercita come in queste immagini.

USA

Dopo 21 giorni l’infermiera di New York che era stata la prima persona a ricevere il vaccino contro il coronavirus negli Stati Uniti, ha ricevuto anche la seconda dose del siero anti Covid prodotto da Pfizer-BioNTech. Sandra Lindsay è afroamericana e lavora nel dipartimento di terapia intensiva del Long Island Jewish Medical Center.

Gli Usa sono già in una nuova fase, poiché alcuni iniziano a ricevere la dose finale del vaccino: i governatori di New York e Florida hanno promesso di penalizzare gli ospedali che non riescono a smaltire le dosi velocemente. Eppure alcuni funzionari statunitensi hanno parlato di problemi organizzativi. “Non siamo dove vogliamo essere. Non c’è dubbio su questo”, ha detto Anthony Fauci, principale autorità sanitaria del Paese.

SINGAPORE

Il primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong riceve la sua prima dose del vaccino contro il coronavirus Pfizer-BioNTech, che è “indolore, efficace e importante” e incoraggia i suoi connazionali a essere vaccinati volontariamente. Singapore è stata tra le prime realtà asiatiche a lanciare la sua campagna di vaccinazioni la scorsa settimana, a partire dal personale del Centro nazionale per le malattie infettive

IRAN

L’ayatollah Ali Khamenei ha vietato al Paese di importare il vaccino contro il Covid-19 della statunitense Pfizer e della britannica Astrazeneca. Prima di lui, tuttavia, il capo della banca centrale iraniana ha annunciato di voler utilizzare i fondi vincolati in una banca sudcoreana per acquistare vaccini contro il coronavirus attraverso l’iniziativa globale COVAX, sostenuta dall’Organizzazione mondiale della sanità.

CONDIVIDI SU:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su