Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Macron nel Baltico, “mediatore” nella crisi politica bielorussa

VIDEO
colonna Sinistra

Macron nel Baltico, “mediatore” nella crisi politica bielorussa

Il presidente francese incontra a Vilnius incontra Tikhanovskaya

Vilnius, 29 set. (askanews) – Azione diplomatica molto interessante del presidente francese Emmanuel Macron nel Baltico, alla ricerca di una soluzione per la crisi politica in Bielorussia. Il capo dell’Eliseo è arrivato ieri in Lituania, dove ha incontrato, oltre al suo omologo Gitanas Nauseda, anche la leader dell’opposizione bielorussa Svetlana Tikhanovskaya.

“Faremo del nostro meglio come europei per aiutare a mediare”, ha detto Macron ai giornalisti, in inglese, dopo il suo incontro con Tikhanovskaya a Vilnius. Ha detto che intendeva “tornare alla mediazione dell’OSCE per fare progressi”.

L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa si era offerta di aiutare a negoziare la fine della crisi in Bielorussia.

Secondo Tikhanovskaya – che presto parlerà davanti al Parlamento francese – Macron “mediatore” ha promesso di “fare tutto il possibile per liberare tutti i prigionieri politici” in Bielorussia e che sarà in grado di “influenzare” Vladimir Putin, il leader russo che deve sostenere lo status quo in Bielorussia per motivi di chiara convenienza politica, benchè sia noto che tra lui e Lukashenko non scorra buon sangue. E sebbene la Francia stia cercando una piattaforma più ampia per il suo ruolo da mediatore, Macron ha detto già senza mezzi termini che Lukashenko dovrebbe accettare di lasciare il potere. E già nei giorni scorsi, dopo un colloquio telefonico con Putin, tra strascichi e polemiche, si è capito che fa sul serio.

CONDIVIDI SU:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su