Header Top
Logo
Martedì 29 Settembre 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ue, Apple ancora nel mirino: ora Vestager punta a Siri e Alexa

VIDEO
colonna Sinistra

Ue, Apple ancora nel mirino: ora Vestager punta a Siri e Alexa

E sulla sentenza Apple-Irlanda dice: è una gara di resistenza

Roma, 16 lug. (askanews) – La Commissione europea non ha ancora deciso se ricorrere in appello contro la sentenza di del Tribunale Ue che ha dato ragione ad Apple nella causa sui 13 miliardi di tasse che avrebbe evitato grazie a un regime fiscale troppo vantaggioso in Irlanda, ma nel frattempo Bruxelles non riduce la pressione sui giganti del web-tech: la vicepresidente della Commissione con delega alla Concorrenza e al Digitale Margrethe Vestager ha annunciato infatti un’indagine conoscitiva sugli assistenti vocali quali Siri, Alexa di Amazon o Assistant di Google, sospettati di restringere – per il modo stesso in cui funzionano – il campo della concorrenza quando vengono usati per cercare un prodotto da acquistare online, ciò che Vestager ha definito il “Consumer Internet of Things”.

L’indagine non è (ancora) una procedura d’infrazione, ma solo una raccolta di informazioni da oltre 400 aziende per capire se Siri e compagnia riducono eccessivamente la scelta dei consumatori con la loro pre-selezione: un arbitrio potenzialmente enorme.

“Abbiamo cominciato con schermi grandi con molti dettagli per passare a schermi più piccoli che davano meno scelta, ma pur sempre una scelta. Uno può comunque scorrere lo schermo e fare la sua scelta e prendersi il tempo che gli serve. Quando hai un assistente vocale invece che ti presenta qualcosa devi ascoltare molto attentamente e non è ancora chiaro se si abbia davvero una varietà di scelta oppure solo due opzioni alternative”.

L’iniziativa procede chiaramente su binari paralleli rispetto al caso Apple, ma nel commentare la sentenza del Tribunale Ue e le possibilità di appello, Vestager ha lanciato un monito: “Decideremo i prossimi passi quando avremo concluso la nostra analisi della sentenza. Ma una cosa è chiara: la lotta contro la pianificazione fiscale aggressiva è una maratona, non una gara di sprint. E questa maratona, beh, si svolge su un terreno molto collinoso”.

CONDIVIDI SU:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su