Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Sport
  • Ai quarti di finale 4 repubbliche contro 4 monarchie agli Europei

colonna Sinistra
Mercoledì 30 giugno 2021 - 20:08

Ai quarti di finale 4 repubbliche contro 4 monarchie agli Europei

Italia-Belgio, Inghilterra-Ucraina, Spagna-Svizzera e R. Ceca-Danimarca

Ai quarti di finale 4 repubbliche contro 4 monarchie agli Europei
Roma, 30 giu. (askanews) – Difficile vederli allo stadio considerato che le partite si giocheranno a Monaco di Baviera, San Pietroburgo, Baku e Roma, ma ci saranno tante teste coronate interessate ai quarti di finale degli Europei di calcio.


Filippo è il nome dominante, come il primogenito di re Alberto II del Belgio, a cui è succeduto dopo l’abdicazione di quest’ultimo per motivi di salute nel 2013, e di Paola Ruffo di Calabria.



Oppure come Felipe Juan Pablo Alfonso de Todos los Santos de Borbón y Grecia attuale re di Spagna con il nome di Filippo VI. E se vogliamo ricordare anche il principe consorte di Elisabetta II d’Inghilterra scomparso qualche mese fa ecco che i quarti di finale diventano una sfida Monarchia-Repubblica. La quarta testa coronata è quella di Margrethe Alexandrine Þórhildur Ingrid regina regnante di Danimarca. È la figlia maggiore di re Federico IX e della regina Ingrid.


Il tutto per trovare una spigolatura di quattro partite in cui gli inni nazionali saranno il primo confronto Repubblica- Monarchia. Italia-Belgio (venerdì a Monaco di Baviera ore 21).



Contro i “Fratelli d’Italia” ci sarà il “motto immortale: Il Re, la Legge, la Libertà!”. In Svizzera-Spagna (venerdì a San Pietroburgo ore 18) “libertà, concordia, amor” sarà suonata prima de “La Marcha Real”. Per Repubblica Ceca-Danimarca (sabato ore 18 a Baku), “Dov’è la mia casa” trae origine dall’inno cecoslovacco.


L’Inno Reale è invece quello che onora la bandiera rossa con la croce bianca che si estende fino ai bordi della stessa. E se l’Ucraina canta sul motivo di “Non è ancora morta l’Ucraina”. La monarchia delle monarchie è quella britannica con tre sempiterne parole: “God save the queen” che saranno ascoltate sabato alle 21 a Roma. I tifosi inglesi resteranno a casa. Difficile vedere William sugli spalti. Appuntamento a Wembley indipendentemente dalla presenza o meno della nazionale dei tre leoni.



Adx/Int2


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su