Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Sport
  • Il team MCES in finale di Virtual Regatta

colonna Sinistra
Martedì 1 giugno 2021 - 15:16

Il team MCES in finale di Virtual Regatta

Successo italiano negli eSports: dalla vela al calcio, oggi le Olimpiadi sono online

Il team MCES in finale di Virtual Regatta
Roma, 1 giu. (askanews) – Parla italiano la finale olimpica di Virtual Regatta, il videogioco ufficiale della federazione internazionale World Sailing. In lizza per il primo posto c’è Filippo Lanfranchi del team MCES, già campione del mondo di eSailing nell’edizione disputata a Bermuda nel 2019, dopo tre intensi giorni di regate digitali si è qualificato tra i migliori 20 gamers per la finale della classe Laser. Un altro successo, un’altra testimonianza del valore degli eSports: dal calcio alla vela, oggi le discipline più importanti si praticano online.


La pandemia globale, il lockdown, le chiusure di palestre, impianti sportivi e stadi hanno portato gli appassionati a cercare in rete le emozioni che solo lo sport può dare. Il Comitato olimpico non è rimasto immobile: sono in corso fino al 23 giugno le Olympic virtual series. Il primo evento ufficiale di sport virtuale organizzato dal Cio, delle vere Olimpiadi digitali, ospita anche i campioni di Virtual Regatta. I contendenti si sono sfidati sia nella modalità inshore che in quella offshore e ora non resta che godersi la finale tra pro gamers.



Il movimento è in continua crescita. A raccontarlo è l’analisi Gaming & eSports realizzata da Cross Border Growth: gli sport virtuali interessano 2,7 miliardi di giocatori nel mondo e valgono 175 miliardi dollari. Numeri da capogiro per un settore in forte crescita, soprattutto da quando è in corso la pandemia globale.


“Il mondo degli eSports è la prossima ‘big thing’ del comparto digital e tecnologia: già oggi in diverse parti del mondo palazzetti dello sport virtuali registrano il tutto esaurito”, spiega Tommaso Maria Ricci, direttore di MCES Italia. “Nel nostro paese più del 40% della fanbase esportiva è composta da donne e il pubblico è giovanissimo, con quasi il 60% di Under 30. Grazie a questa rivoluzione tutti possono essere sportivi: il digitale è strutturalmente democratico e nel mondo degli eSports un atleta con una disabilità motoria può essere bravo quanto un agonista con anni di esperienza sui campi. Gli eSports sconfiggono senza combattere il body shaming negli spogliatoi e possono consentire a tanti ragazzi di avvicinarsi all’esperienza dello sport con tutto quello che ne consegue in termini di valori, educazione e formazione. La nostra formula integra appieno lo sport sui campi fisici con le ultime frontiere del digitale, per un approccio integrato a 360 gradi”, conclude Ricci.



MCES è una azienda multinazionale di successo che integra “sports + eSports”. Un’alchimia vincente costituita da due pilastri: da un lato gli allenamenti periodici sul campo per bambini e adolescenti supervisionati da sportivi professionisti, dall’altro i training di sport elettronico, con l’incubazione e la crescita dei futuri talenti del web.


MCES ha anche un braccio italiano, MCES Italia di cui è CEO Pierfrancesco Iazeolla esperto di business e marketing sportivo e il COO Tommaso Maria Ricci, fondatore della Mundial Cup a Roma. I successi del 2020 hanno attratto nuovi investitori e partner tra cui Ariedo Braida, ex dirigente di Milan e Barcellona, Alessio Calabrò, attivo nel settore della difesa e dei media con Rait88 e L’Atleta, e Carlo Cancellieri, già socio dell’ex capitano della Roma, Francesco Totti, in alcune attività e attuale collaboratore del commissario tecnico azzurro Roberto Mancini.



MCES lavora sugli sport agonistici ma anche sul teambuilding per le aziende, oltre ad essere proprietario di diversi gaming clubs, spazi per videogames fisici o virtuali in Francia. Qui sono ospitate le MCES Academy e i Training Camps, appuntamenti utili a scovare i migliori talenti del videogaming da “incubare” e avviare nei pro-teams, squadre di videogamers che saranno associate per brand e denominazione alle società promotrici. A Roma, ad esempio, MCES ha curato la divisione eSports della Romulea e del Vesta Calcio, entrambi noti club calcistici della Lega Dilettanti.


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su