Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • Roma, “Un coro di Note Blu” per il Paese di Filoastra

colonna Sinistra
Martedì 30 novembre 2021 - 19:47

Roma, “Un coro di Note Blu” per il Paese di Filoastra

Concerto benefico il 10 dicembre a Santa Maria in Campitelli

Roma, “Un coro di Note Blu” per il Paese di Filoastra
Roma, 30 nov. (askanews) – Sarà un concerto di musica spiritual, sacra e poetica con brani classici e tradizionali non solo italiani, quello che il Coro Note Blu, di Marina Mungai, metterà in scena il prossimo 10 dicembre nella suggestiva location della sala Baldini di santa Maria in portico in Campitelli, a Roma, per sostenere l’associazione il paese di Filoastra. Nella ex sagrestia della chiesa alle spalle del Ghetto, il coro Note blu, attivo dagli anni ’80 come associazione culturale e prossimo alle mille esibizioni (in cattedrali, teatri e parrocchie) specializzato in un repertorio “a cappella”, si esibirà in concerto con brani natalizi spiritual e di musica sacra.


Obiettivo della serata è godere e sensibilizzare alla bellezza della musica e del canto corale ma soprattutto, raccogliere fondi per aiutare il paese di Filoastra, l’associazione onlus ideata da Marco Colangione per dare un futuro abitativo dignitoso e felice alle persone con disabilità. Da più di vent’anni, Marco Colangione lavora presso l’Economato dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Roma,  e  nel sindacato CISL, dove quotidianamente si impegna per la tutela dei lavoratori diversamente abili.  Dalla profonda conoscenza delle criticità che molte persone in condizioni svantaggiate, come lui, possono trovarsi ad affrontare, con l’avanzare dell’età e con la perdita del sostegno familiare, e dall’analisi del forte disagio pratico  che ne deriva, nasce l’idea che lui ha sintetizzato  con il concetto del “DOPO DI NOI”.



L’associazione ” il PAESE DI FILOASTRA”, infatti ha il progetto di realizzare un vero e proprio villaggio abitativo dedicato e a misura di persone con disabilità lievi dove ognuno potrà trovare una seconda famiglia  e vivere un futuro senza barriere e anche una piena vita di coppia.


“I nostri genitori non ci potranno assistere per sempre – spiega Marco Colangione – mia mamma non c’è più da qualche anno e mio padre ha 85 anni. E allora penso cosa sarà di me e di tanti altri quando le nostre famiglie non potranno più aiutarci? Ci sono solo dei luoghi che ci ghettizzano e che inoltre mettono insieme le disabilità più diverse.  Quello che sto realizzando con FiloAstra, è un villaggio a misura di disabile, con  villette e  case di legno dove tutti noi disabili potremo vivere in modo normale e dignitoso con i nostri genitori, gli amici, le assistenti, ma anche con le nostre compagne. Un progetto del genere ci permetterà di avere una vita dignitosa anche da un punto di vista sentimentale perché avremo il nostro spazio e la giusta privacy”.



Il concerto del 10 dicembre del CORO NOTE BLU è il primo di una serie di eventi culturali promossi da FILOASTRA per farsi conoscere e crescere per realizzare il progetto che è già partito.


l’Associazione nasce da un’idea di Marco Colangione nei riguardi di tutti coloro che come lui hanno modo di essere parte attiva nel mondo del lavoro pur essendo diversamente abili. Le persone con disabilità possono vivere al pari delle persone normodotate per creare un luogo in cui lavorare e collaborare sviluppando legami e competenze al servizio dei nuclei presenti. Questo vuole diventare il Paese di FILOASTRA.



Tra gli invitati, al concerto del 10 dicembre ci saranno anche: Miguel Gotor, assessore alle politiche culturali del Comune di Roma, la cantante Niki Nicolai, Suor Paola, suor Veronica Donatello, l’attore Giorgio Tirabassi e Leonardo Mazzarotto.


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su