Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • A Verona la musica live vera protagonista dei Seat Music Award 21

colonna Sinistra
Venerdì 10 settembre 2021 - 01:54

A Verona la musica live vera protagonista dei Seat Music Award 21

Lunga carrellata di ospiti che segna la vitalità del settore

A Verona la musica live vera protagonista dei Seat Music Award 21
Milano, 10 set. (askanews) – Non poteva che essere dedicato a Raffaella Carrà il più grande evento musicale dell’estate. A Verona è andata in scena la prima delle due serate dei Seat Music Awards. Al comando dello show davanti a circa 6.000 persone in presenza e in diretta su Rai 1 ancora una volta la coppia Carlo Conti e Vanessa Incontrada. La carrellata di artisti è partita da Gigi D’Alessio con medley dei suoi successi. Marracash premiato per l’album più venduto del 2020 è tornato a chiedere che i concerti si possano tornare a fare senza limitazioni di presenze ma nel rispetto delle regole. La polemica era stata aperta sui social da Mahmood, che ha rilanciato dicendo: “Quando ho spostato per la terza volta il mio tour invernale sono sentito abbandonato, spero che il mondo della musica venga considerato maggiormente e si tornino a fare concerti senza limitazioni grazie all’uso Green Pass”. Il Volo, che ha aperto la stagione dell’Arena con un concerto evento dedicato a Ennio Morricone, ha annunciato l’uscita, il 5 novembre di un album con tutte le grandi colonne sonore del Maestro interpretate dal trio. Sul palco anche la regina degli ascolti Maria De Filippi, ma anche tanti altri volti noti dello spettacolo e della televisione come Antonella Clerici, Alessandro Cattelan e Gerry Calà. Ligabue il più premiato in 15 anni di Music Awards ha incantato il pubblico con una versione acustica di Piccola stella senza cielo. Orietta Berti ha dimostrato di essere la vera regina dell’estate anche grazie alla collaborazione con Fedez e Achille Lauro quest’ultimo sul palco areninano sempre coinvolgente e provocatorio. Tra le star della serata Marco Mengoni che ha attraversato la platea accolto da una ovazione, e ha festeggiato i suoi 58 dischi di Platino in carriera. Zucchero si è esibito fuori dall’Arena portando lo spettacolo in piazza Bra. La classe di Fiorella Mannoia e Claudio Baglioni hanno ancora una volta dimostrato la forza della musica italiana. Ottima accoglienza del pubblico anche per le esibizioni di Alessandra Amoroso, Madame, Sangiovanni, Aka7even, Mecna e Psicologi. Infine la maestria di Andrea Bocelli, voce che tutto il mondo ci invidia, ha lasciato il pubblico senza fiato. Tanti artisti, forse troppi, per un evento fondamentale che significa ripartenza e speranza nel futuro e che ha dimostrato la vitalità di un settore messo in grave difficoltà dalla pandemia.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su