Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • Beba racconta una storia d’amore tossica in “Narciso”

colonna Sinistra
Venerdì 30 aprile 2021 - 14:16

Beba racconta una storia d’amore tossica in “Narciso”

Canzone ispirata dal mito greco di Eco e Narciso
Beba racconta una storia d’amore tossica in “Narciso”

Milano, 30 apr. (askanews) – Esce oggi “Narciso”, il nuovo singolo di Beba, disponibile su tutte le piattaforme digitali e in rotazione radiofonica per Island Records.

“Narciso” rappresenta un nuovo capitolo nella scrittura di Beba. Ispirata dal mito greco di Eco e Narciso, l’artista decide di affidare a questo singolo una tematica sensibile ed estremamente attuale attraverso il racconto, a distanza di tempo, di una storia d’amore tossica vissuta in prima persona. Il brano fotografa gesti semplici e momenti che, dietro al velo della quotidianità, celano una violenza invisibile quanto reale, di cui spesso chi ne è vittima non riconosce e accetta i segnali. Beba dona una parte di se stessa e del suo vissuto con trasparenza e con la volontà di esorcizzare attraverso la musica le proprie ferite, una catarsi che, partendo da un aneddoto personale, vuole essere un incoraggiamento a tutti coloro che si sentono intrappolati in una relazione abusiva.

“Narciso” è accompagnato dallo splendido video diretto da Francesco Coppola in cui il racconto e le immagini abbracciano e amplificano la forza emotiva del brano. Le scene si sviluppano portando alla luce gli aspetti più controversi della storia espressi non solo didascalicamente ma aggiungendo una visione più concettuale rappresentata tramite la danza.

“Quella storia mi aveva fatto perdere ogni cosa attorno ma soprattutto dentro di me, proprio come la ninfa Eco che si innamora di Narciso fino a consumarsi. E’ stata la mia voce a salvarmi, la mia musica e il mio obiettivo nella vita mi hanno dato la forza di uscirne. Narciso racconta la mia storia ma il punto è che se è stata la mia storia, può essere quella di chiunque e ho capito che ero in dovere di raccontarla, prima per me e poi per gli altri. Io spero che possa far aprire gli occhi a chi non vuole vedere o che possa accompagnarvi se avete gli occhi ben fissi sull’obiettivo” racconta l’artista torinese che si sta affermando come uno dei nomi più promettenti della scena urban italiana.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su