Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Lunedì 11 gennaio 2021 - 16:48

Taranta e fuoco: antidoto alle tentazioni del Covid

Alla Focara di Novoli
Taranta e fuoco: antidoto alle tentazioni del Covid

Roma, 11 gen. (askanews) – Un antidoto contro le tentazioni del virus e una visione europea che collega il fado alla pizzica. È quanto La Notte della Taranta proporrà alla Fòcara di Novoli mettendo in evidenza il rapporto tra la devozione al Prometeo cristiano Sant’Antonio Abate e la tradizione popolare. Un percorso musicale di ricerca che partirà dalla presentazione di Sant’Antonio allu desertu, brano portato alla notorietà dalla cantante di fado portoghese Amalia Rodrigues.

“Proposto per la prima volta da Maria Monti nel 1969, il canto fa riferimento alle continue tentazioni che il diavolo riserva all’asceta costretto a rifugiarsi nel deserto. Nella cultura popolare c’è sempre l’invocazione al Santo per essere protetti dalle tentazioni che oggi, spiega il direttore artistico Daniele Durante, sono rappresentate dal virus. Siamo costretti a resistere alle tentazioni di fare festa, di stare insieme, di abbracciarci. Un attacco frontale che fronteggiamo con la musica”.

La nuova versione proposta dall’Orchestra Popolare fa incontrare fado e pizzica nel segno del fuoco. Un magismo, un articolato impianto orale che la cultura popolare ancora conserva documentando ciò che rimane del patrimonio immateriale generatore di miti, tra immanenza e trascendenza, tra profano e sacro.

“Ringraziamo l’amministrazione comunale di Novoli che in un periodo difficile per la cultura ha scelto di esserci, di non interrompere il rito collettivo della Fòcara, dichiara il presidente della Fondazione Massimo Manera. Ringraziamo anche il gruppo Norba che apre questa importante finestra sulla cultura popolare in un periodo difficile per il settore. Anche questa volta grazie alla collaborazione degli artisti proponiamo materiale inedito che grazie alla ricerca crea un collegamento tra Portogallo, Gargano e Salento nel segno del fuoco. La Fòcara di Novoli siamo certi possa essere evento attrattore di nuove collaborazioni e sinergie con il resto d’Europa”.

Non mancherà Fuecu il brano scritto da Durante nel 2015 per la Fòcara di Novoli che esalta l’ambivalente funzione del fuoco e i suoi simbolici segni oppositivi: spirito e sostanza, salvezza e perdizione, paradiso e inferno, purificazione e contaminazione. E con Antidotum Tarantulae, l’Orchestra farà vibrare il suono come il legno di ferula scelto da Sant’Antonio per farne bastone, la pianta dal midollo spugnoso che continua a bruciare anche quando apparentemente è spenta. “Appena fu fuori all’aria del mondo, Sant’Antonio alzò il bastone con la punta infuocata, e a girò intorno facendo volare le scintille, come dando la benedizione” (Calvino, 1956).

Un viaggio musicale e danzante che vedrà protagonisti i cantanti Enza Pagliara e Antonio Amato; i musicisti Antonio Marra (batteria), Alessandro Monteduro (percussioni), Valerio Combass Bruno (basso), Giuseppe Astore (violino), Attilio Turrisi (chitarra battente), Roberto Chiga (tamburello), Nico Berardi (fiati), Gianluca Longo (mandola), Leonardo Cordella (organetto), Roberto Gemma (fisarmonica); i ballerini Laura Boccadamo, Mihaela Coluccia, Cristina Frassanito, Andrea Caracuta, Fabrizio Nigro, Marco Martano.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su