Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • Il Fas (Forum arte e spettacolo) denuncia una falsa ripartenza

colonna Sinistra
Martedì 13 ottobre 2020 - 19:30

Il Fas (Forum arte e spettacolo) denuncia una falsa ripartenza

Chiedono a vari ministri una nuova ridefinizione delle capienze
Il Fas (Forum arte e spettacolo) denuncia una falsa ripartenza

Roma, 13 ott. (askanews) – Oltre trenta realtà appartenenti al Forum Arte e Spettacolo (FAS), coordinamento di organizzazioni rappresentanti tutte le parti che compongono il vasto mondo dell’arte e dello spettacolo, hanno inviato ai ministri di Mibact (Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo), Mpls (Ministero del Lavoro e politiche sociali), Mef (Ministero economia e finanze), Mise (Ministero sviluppo economico) e Salute un importante e urgente documento sul perdurare delle gravi difficoltà del settore dello Spettacolo dal Vivo.

“La data del 15 giugno ha segnato purtroppo una Falsa Ripartenza, dovuta alle limitazioni stringenti contenute nel DPCM del 17 maggio e tutt’ora in vigore, seppure con deroghe alle Regioni che creano ancora più disparità”, denunciato gli autori del documento.

“Nel corso dell’estate tutti gli eventi realizzati hanno dimostrato che il settore dello Spettacolo dal vivo, grazie anche alle regole sulla sicurezza degli ultimi anni, è in grado di gestire in modo sicuro i protocolli richiesti senza avere generato nessun caso di Covid e potendo contare su un pubblico responsabile e di qualità”, hanno sottolineato. “Pertanto chiediamo la ridefinizione con normativa nazionale dei limiti delle capienze in base alla dimensione e alle caratteristiche dei luoghi e in base alla modalità di fruizione dell’evento che modifichi, mantenendo distanziamento e protocolli di sicurezza (dispositivi di protezione personale, sanificazione, tracciamento etc.), il limite delle 200 presenze al chiuso e 1000 all’aperto”, si legge nel testo.

Il settore dello Spettacolo dal Vivo, come ha dimostrato anche la manifestazione “Bauli In Piazza” tenutasi a Milano in Piazza Duomo lo scorso sabato 10 ottobre, è ancora in fase di totale emergenza e il rischio è che centinaia di migliaia di professionisti debbano cambiare mestiere, scrivono ancora gli autori del documento, chiedendo con urgenza “una presa di coscienza, supportata da azioni concrete e immediate, da parte delle istituzioni”.

“È dunque necessario che, oltre alle auspicate modifiche del numero degli spettatori, siano prolungate le indennità e le tutele ai lavoratori del settore e attuate forme di sostegno ed incentivo alle imprese, profit e non profit, così che il grande patrimonio di Arte, Cultura e Professionalità del nostro Paese non vada irrimediabilmente perduto”, concludono.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra