Header Top
Logo
Mercoledì 17 Agosto 2022

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Spettacolo
  • All’Arena di Verona l’Aida nell’edizione storica del 1913

colonna Sinistra
Martedì 19 marzo 2019 - 15:52

All’Arena di Verona l’Aida nell’edizione storica del 1913

In cartellone per 16 serate, dal 22 giugno al 7 settembre 2019
All’Arena di Verona l’Aida nell’edizione storica del 1913

Roma, 19 mar. (askanews) – Per la Stagione Lirica areniana 2019, Fondazione Arena mette in scena Aida, opera simbolo del suo Festival, che sarà proposta nell’Edizione Storica del 1913 con una veste in parte rinnovata grazie al sostegno delle imprese alberghiere veronesi.

La storia delle stagioni liriche areniane nasce proprio nel 1913, quando il tenore veronese Giovanni Zenatello, per celebrare il primo centenario dalla nascita di Giuseppe Verdi, ebbe l’idea di allestire un grande spettacolo d’opera in Arena. La rappresentazione di quella prima edizione areniana di Aida, la sera del 10 agosto 1913, costituisce uno dei più importanti avvenimenti internazionali del primo Novecento: era nata la più grande stagione lirica all’aperto del mondo e da allora l’affluenza e il calore del pubblico non hanno smesso di premiare gli inventori di questo incredibile spettacolo operistico giunto alla sua 97esima edizione.

La volontà divulgativa unita a quella spettacolare, che caratterizza da sempre l’attività areniana, trova piena corrispondenza nel progetto iniziato nel 1981 dal regista Gianfranco de Bosio di dare nuova vita al primo allestimento di Aida del 1913 partendo proprio dai bozzetti originali dello scenografo Ettore Fagiuoli, un approccio attento al passato che costituisce un valore inestimabile soprattutto per le nuove generazioni che si avvicinano al mondo dell’opera. Un lavoro filologico fondamentale: oltre ai bozzetti, ha raccolto testimonianze, foto d’epoca, articoli, note di sartoria, ricostruendo quel sapore unico dell’esotico riletto attraverso il gusto Art Nouveau che non è solo storia del teatro, ma anche storia di costume, architettura, design, moda e in generale arti applicate quanto mai attuali per il gusto d’oggi.

Quest’anno l’Edizione Storica 1913 di Aida trova spazio nel cartellone areniano per 16 serate (dal 22 giugno fino a concludere il Festival il 7 settembre) in una versione che si arricchisce di alcune novità scenografiche. De Bosio ha approfondito ulteriormente le indagini sui documenti originali e si è convinto della necessità di rivisitare parzialmente la scena del secondo quadro del primo atto “il tempio” e del terzo atto “il Nilo”. Sono soluzioni anche filologicamente più aderenti allo spirito del mondo egiziano che Giuseppe Verdi ed il librettista Antonio Ghislanzoni avevano riscoperto e proiettato nella modernità.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra