Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Venerdì 13 maggio 2022 - 16:36

Greennovation – Hackathon, una sfida etica e sostenibile

Di Istituti Einaudi - Molari e il Gruppo Maggioli

Greennovation – Hackathon, una sfida etica e sostenibile
Roma, 13 mag. – Sabato 14 maggio, dalle ore 9:00 alle 23:00, 48 studenti del quarto anno degli Istituti professionali “L. Einaudi” di Viserba e Tecnico Commerciale “R. Molari” di Santarcangelo prenderanno parte a un evento dedicato a sostenibilità e innovazione, ospitati nel campus di Maggioli Academy.


“Greennovation – Hackathon” è un’originale e coinvolgente maratona progettuale a squadre che nasce dalla solida collaborazione e coprogettazione di percorsi formativi innovativi tra gli Istituti Superiori e il Gruppo Maggioli. Sono queste, infatti, le realtà promotrici del progetto che non si esaurisce nella giornata di evento ma che si pone l’obiettivo di creare un modello di integrazione con il territorio volto ad incentivare la diffusione di conoscenza e generare valore condiviso. La volontà degli Istituti “Einaudi – Molari” di pensare a processi virtuosi di interazione tra gli studenti e le imprese su temi di interesse sociale, economico e ambientale è stata accolta con entusiasmo dal Gruppo Maggioli che è da sempre attento al tema della sostenibilità e all’applicazione della tecnologia e delle competenze IT in ottica di crescita e a supporto dell’evoluzione digitale. In particolare il campus di Maggioli Academy, oltre ad essere un luogo fisico di aggregazione e condivisione, rappresenta bene il concetto d futuro, espresso in modo concreto attraverso conoscenza profusa e pragmatismo, passaggi utili ai ragazzi per maturare la consapevolezza necessaria ad affrontare le sfide del mercato del lavoro e a rafforzare il legame con il territorio e la comunità.



Gli studenti, divisi in otto squadre, ciascuna delle quali dovrà elaborare un progetto sulla Green mobility o sul Green packaging dovranno fornire soluzioni innovative, scalabili e sostenibili, aiutati da otto mentor speciali: gli alunni e ex alunni dell’Associazione Almae Matris Alumni, la community degli alumni dell’Università di Bologna.


A fine giornata i progetti realizzati saranno presentati alle aziende che hanno lanciato le sfide: Amazon, Banca Malatestiana, Citrus, SimpleNetworks, Tulips e Tangible, che hanno deciso, fin da subito, di collaborare al progetto, rafforzando così il valore dell’evento.



L’obiettivo di Greennovation Hackathon è ambizioso: pensare al futuro facendo leva sulla “sensibilità ambientale radicata e forse innata nella generazione dei Fridays for future” come emerge da una ricerca del 2021 sul valore della sostenibilità ambientale ed economica per i giovanissimi italiani.


“Viviamo un momento di profonde sfide e repentini cambiamenti; i temi di Green mobility e Green packaging sono fortemente collegati al bisogno di innovazione – dichiara Cristina Maggioli, Consigliere Delegato Risorse Umane del Gruppo Maggioli, e si focalizzano su attività che hanno un alto impatto sulle risorse e sull’ambiente. Sentiamo forte la nostra responsabilità di Gruppo, non solo dal punto di vista occupazionale ma anche sociale perché da sempre siamo convinti che per generare valore bisogna costruire reti e, in primis, coinvolgere e responsabilizzare le nuove generazioni.”



“L’Hackathon, nella scuola, è un importante strumento di innovazione didattica e metodologica per studenti e docenti ed è molto efficace dal punto di vista dell’apprendimento. Partecipiamo a questa iniziativa grazie ad un team di docenti motivati e preparati guidati dal professore di economia aziendale Luigi Aloia, per mettere in campo, oltre lo sforzo organizzativo, anche quello didattico che è altrettanto impegnativo: scegliere gli studenti, costruire i gruppi, scrivere il regolamento. Condividiamo da tempo con il Gruppo Maggioli temi e strumenti educativi e siamo loro grati e, ovviamente, ai partner di progetto, per questa iniziativa nel segno dei valori fondanti che Greennovation–Hack persegue: sostenibilità, responsabilità e comunità” aggiunge con soddisfazione Daniela Massimiliani, Dirigente Einaudi-Molari.


“Amazon è da sempre impegnata, attraverso vari programmi, a sostenere e incoraggiare gli studenti e le studentesse a scoprire le nuove discipline digitali e approfondire lo studio delle materie scientifico-tecnologiche. Siamo orgogliosi, dunque, di partecipare a questo progetto che tocca una tematica per noi molto importante: la sostenibilità – ha commentato Leonardo La Rocca, Responsabile del deposito di smistamento Amazon di Santarcangelo di Romagna – Nell’ottica dell’impegno assunto da Amazon di essere l’azienda più attenta al cliente al mondo, ci impegniamo a sviluppare un business sostenibile per i nostri dipendenti, clienti e comunità. Inoltre, ci teniamo a sensibilizzare le generazioni future, educandole ad uno stile di vita attivo, sano ed ecosostenibile.”


“Siamo molto entusiasti di partecipare al ‘Greennovation – Hackathon’ – dichiara Paolo Lisi, Direttore Generale di Banca Malatestiana – Quando ci è stato presentato il progetto non abbiamo esitato nel confermare da subito la nostra presenza. Non vediamo l’ora di scoprire tutte le idee che questi giovanissimi ragazzi presenteranno, certi che ci stupiranno. Scopriremo sicuramente tanti giovani talenti di cui la nostra società ha bisogno e sui quali dobbiamo puntare per la costruzione di un futuro migliore e soprattutto sostenibile.“


“In Citrus crediamo e supportiamo questa iniziativa perché darà l’opportunità a giovani studenti di costruire un’idea per il futuro. – commenta Marianna Palella, CEO e Brand Manager di Citrus, che prosegue – Ricordando loro che per vincere una sfida, anche nel lavoro, bisogna imparare a fare squadra.”


“Come SimpleNetworks siamo davvero onorati e orgogliosi di poter prendere parte all’hackathon di sabato prossimo, essendo un evento che rispecchia completamente i nostri valori aziendali. – comunica Nicola Calisesi, CEO di SimpleNetworks – La nostra attività è nata oltre 10 anni fa, da un’idea di tre ragazzi appena laureati, che poi è diventata una startup e oggi una piccola impresa del territorio. Speriamo vivamente che i ragazzi coinvolti nell’hackathon possano intraprendere il nostro stesso cammino fino a diventare in futuro un’azienda vera e propria che nasce da un progetto innovativo e sostenibile.”


“Ringraziamo gli organizzatori di Greennovation per l’invito, siamo felici di contribuire. – sostiene Ilaria Mauric, Head of Design e Impact Manager di Tangible – Il tema dell’impatto ecologico legato alla mobilità è pieno di opportunità, siamo certi che gli studenti ci sorprenderanno. Noi partecipiamo anche con un occhio da talent finder, cercheremo di scoprire quali, tra gli studenti partecipanti, hanno le qualità da designer che cerchiamo. Tra di loro potrebbe esserci uno o più dei nostri futuri colleghi.”


“Abbiamo accolto la richiesta di partecipazione all’ Hackathon Greenovation, – commenta Enrico Martini, CEO e Founder di Tulips, che prosegue – perché crediamo nel valore di instaurare una rete con il tessuto imprenditoriale del territorio, perseguendo insieme l’obiettivo di stimolare la sensibilità e le competenze degli studenti coinvolti, ai temi imprenditoriali, della tecnologia e della sostenibilità.”


Oltre alle aziende partner è stata raccolta ampia adesione dalle Istituzioni, infatti, l’evento è realizzato con il patrocino di: Camera di Commercio della Romagna, Confindustria Giovani Romagna e Comune di Santarcangelo e sono, altresì, confermati gli interventi dell’On. Alessandro Fusacchia (VII Commissione Cultura, scienza e istruzione) e del Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.


Parteciperanno anche altre realtà locali tra cui: RRHolding, Birgo Burger, Fluxo, Valmarecchia Comunità solidale, unite per vincere le sfide del Green Deal Europeo investendo in un innovativo progetto educativo.


Sabato 14 maggio sarà quindi una giornata scolastica diversa per i ragazzi, un momento di confronto e di apprendimento che stimoli la loro immaginazione e motivazione anche fuori dai banchi di scuola, per aiutarli a essere consapevoli e proattivi nell’intento di contribuire a trasformare l’Europa nel primo continente a impatto climatico zero entro il 2050.


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su