Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Martedì 20 settembre 2022 - 13:15

D-Orbit: accordo con Spacecraft team dell’EPFL per lancio e IOD

Missione test computer di bordo HOBC sviluppato da studenti Losanna

D-Orbit: accordo con Spacecraft team dell’EPFL per lancio e IOD
Roma, 20 set. (askanews) – La società di logistica e trasporto spaziale D-Orbit ha siglato un accordo con lo Spacecraft Team of the Swiss Institute École Polytechnique Fédérale de Lausanne (EPFL) per la dimostrazione in orbita (IOD) del computer di bordo HOBC sviluppato internamente dagli studenti dello Spacecraft Team.


La missione IOD – informa una nota – fa parte del progetto CHESS, che mira a lanciare una costellazione di due CubeSat per analizzare la composizione chimica dell’atmosfera terrestre e la sua evoluzione nel tempo. I due satelliti saranno rilasciati rispettivamente in un’orbita circolare ed ellittica con un basso perigeo che permetterà ai veicoli spaziali di catturare gli strati superiori dell’atmosfera al perigeo e di campionare l’esosfera all’apogeo. Il progetto rappresenta anche una prova di fattibilità per sonde a basso costo in grado di studiare le atmosfere extraterrestri in future missioni planetarie.



“Siamo felici di collaborare con un’importante istituzione accademica come l’EPFL”, ha dichiarato Renato Panesi, Chief Commercial Officer (CCO) di D-Orbit. “Come azienda, crediamo nel sostegno alle iniziative provenienti da istituzioni di istruzione superiore. Con questa missione, offriamo allo Spacecraft Team dell’EPFL l’opportunità di far vivere agli studenti l’emozione e l’esperienza di una vera campagna di lancio riducendo i rischi”.


Il payload sarà integrato all’interno di ION Satellite Carrier, il veicolo di trasferimento orbitale proprietario di D-Orbit, che consente l’integrazione rapida di payload proprietari e di terze parti attraverso un’interfaccia meccanica, elettrica e di dati standardizzata e plug-and-play. I test e la convalida saranno eseguiti su un’orbita a media inclinazione.



“Questo progetto segna un’importante pietra miliare per la nostra associazione e per l’EPFL!”, ha dichiarato Aziz Belkhiria, Presidente dello Spacecraft Team. “Grazie a questa missione, i nostri studenti hanno l’opportunità di sperimentare l’intero ciclo di vita di un progetto spaziale, dalla concezione al lancio, in un breve lasso di tempo. Ora puntiamo a eseguire più IOD per i nostri componenti e ad acquisire esperienza prima del lancio finale di CHESS”.


Lo Spacecraft Team dell’EPFL mira a stimolare l’ecosistema spaziale svizzero con progetti educativi complessi che coinvolgono gli studenti universitari. Oltre a formare la prossima generazione di studenti di ingegneria spaziale per condurre progetti spaziali innovativi, l’iniziativa promuove la creazione di legami più forti tra l’accademia e l’industria per avere un impatto sulla ricerca scientifica e sull’ecosistema spaziale. Il lancio è previsto per il primo trimestre del 2023.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su