Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Zaia: unità di crisi aziendali Veneto è modello virtuoso

colonna Sinistra
Giovedì 1 dicembre 2022 - 18:25

Zaia: unità di crisi aziendali Veneto è modello virtuoso

10 anni di attività del servizio regionale, "è replicabile altrove"

Venezia, 1 dic. (askanews) – “Il modello sviluppato in questi dieci anni nella gestione delle crisi aziendali in Veneto è un esempio virtuoso di come l’ente pubblico possa diventare autorevole e affidabile punto di riferimento e facilitatore nei processi di trasformazione delle imprese. 277 crisi complesse sono state trattate e risolte con 50.000 lavoratori coinvolti. Numeri significativi che non descrivono l’enorme impegno e lavoro messo in campo per portare a soluzioni i casi più complessi, come sono stati, solo per citarne alcuni, Ideal Standard, Ferroli e Melegatti. Crisi risolte grazie ad un lavoro corale che ha portato a salvare produzioni e posti di lavoro”. Così il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia commenta i risultati dei dieci anni di attività dell’Unità di Crisi aziendali regionale presentati questa mattina, dall’Assessore regionale al lavoro Elena Donazzan e dal responsabile dell’Unità di crisi aziendali di Veneto Lavoro Mattia Losego nel corso di un convegno svoltosi nell’Aula magna dell’Università Iuav di Venezia, che ha visto la partecipazione dell’intero mondo del lavoro veneto: dalle parti datoriali ai rappresentanti del mondo del lavoro fino alle parti sociali. Sono stati presentati nell’occasione i casi delle aziende Ferroli, Cooperativa Fonderia Dante, Siderscal (Grimet), TMB, Ceramica Dolomite, Esoform, Niche Fusina Rolled Products, Gas Milano 1984.


“Siamo fermamente convinti – prosegue il Governatore Zaia – che la nostra Unità di crisi aziendale sia un modello replicabile nelle altre regioni. Ciò che chiediamo al Governo è di poter avere a disposizione strumenti adeguati nell’accompagnare le imprese nei processi di cambiamento. Lavorare per reindustrializzare significa salvare posti di lavoro, ma è necessario che si mettano in gioco imprenditori con progetti industriali. Ciò che chiediamo è poter contare su strumenti capaci di coinvolgerli”.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su