Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Grillo: il limite dei due mandati deve restare

colonna Sinistra
Venerdì 17 giugno 2022 - 13:17

Grillo: il limite dei due mandati deve restare

"Vale il sacrificio di (sedicenti) Grandi Uomini"

Grillo: il limite dei due mandati deve restare
Roma, 17 giu. (askanews) – Il tetto massimo di due mandati per gli eletti Cinque Stelle deve restare perchè “è una regola la cui funzione è di prevenire il rischio di sclerosi del sistema di potere, se non di una sua deriva autoritaria, che è ben maggiore del sacrificio di qualche (vero o sedicente) Grande Uomo”. Lo scrive Beppe Grillo sul suo blog in un post dal titolo “l’Elevato mi ha parlato”, all’indomani dello scontro pubblico fra i due pesi massimi pentastellati Giuseppe Conte e Luigi Di Maio.


A giudizio del fondatore dei Cinque Stelle, “appare sempre più opportuno estendere l’applicazione delle regole che pongono un limite alla durata dei mandati”.



“Queste regole – scrive – hanno goduto di una certa fortuna in alcuni ambiti del settore pubblico, quali i giudici della Corte Costituzionale. Ma il limite alla durata dei mandati si giustifica anche nell’esigenza di porre un limite a un potere rilevante, come per esempio quello del Presidente degli Stati Uniti”. E se “alcuni obiettano – soprattutto fra i gestori che si arroccano nel potere – che un limite alla durata dei mandati non costituisca sempre l’opzione migliore, in quanto imporrebbe di cambiare i gestori anche quando sono in gamba: “Cavallo che vince non si cambia” sembrano invocare ebbri di retorica da ottimati”.


“Ciò – mette nero su bianco Grillo – è ovviamente possibile, ma il dilemma può essere superato in altri modi, senza per questo privarsi di una regola la cui funzione è di prevenire il rischio di sclerosi del sistema di potere, se non di una sua deriva autoritaria, che è ben maggiore del sacrificio di qualche (vero o sedicente) Grande Uomo”.



“Ciò – conclude Grillo dopo una lunga argomentazione – non significa, sia chiaro, negare l’utilità delle visioni di grandi uomini, ma riconoscere che anche fra queste visioni operano le stesse meccaniche selettive dei cambiamenti casuali. Dunque per l’evoluzione economica e sociale sono più importanti le regole che favoriscono i cambiamenti di quelle che favoriscono le (vere o presunte) Grandi Visioni di (veri o sedicenti) Grandi Uomini”.


Tor/Int14



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su