Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Mattarella e Tebboune a Capodimonte,si pensa a mostra ad Algeri

colonna Sinistra
Venerdì 27 maggio 2022 - 18:12

Mattarella e Tebboune a Capodimonte,si pensa a mostra ad Algeri

Ai presidenti in dono due vasi in porcellana

Napoli, 27 mag. (askanews) – Una visita di circa mezz’ora tra alcune delle 49mila opere d’arte custodite nel museo di Capodimonte a Napoli e uno sguardo piuttosto rapido alle 200 opere, tutte conservate nei saloni di Capodimonte, che compongono la mostra ‘Oltre Caravaggio’. Questo, in sintesi, l’appuntamento nell’ex reggia borbonica del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e del presidente algerino Adbelmadjid Tebboune.


I capi di Stato erano accompagnati dal ministro degli Esteri, Luigi di Maio e dal direttore del museo Sylvain Bellenger. Con loro anche il ministro della Cultura algerina e la figlia di Mattarella, Laura, estimatrice del sito culturale partenopeo nel quale si è recata diverse volte, una delle quali nell’aprile 2019 con il papà in visita privata.



Tebboune è rimasto particolarmente colpito “dall’immensità e dall’importanza” delle collezioni contenute nel museo al punto che ha espresso la volontà di organizzare una mostra ad Algeri con alcuni dei capolavori più rappresentativi del museo napoletano. “E’ uno dei più grandi e più belli che abbiano in Italia. E’ più grande del museo di Brera almeno quattro volte”, ha detto il presidente Mattarella così come riferito dallo stesso Bellenger, particolarmente soddisfatto della visita dei due capi di Stato.


“Il presidente algerino è un uomo colto, delicato, ha fatto un paragone tra la città di Napoli e quella di Algeri – ha raccontato Bellenger – due città portuali. E’ stato colpito dal fatto che Napoli sia una città così cosmopolita”. “Anche il ministro Di Maio mi ha chiesto un incontro a breve perché è rimasto particolarmente colpito di come è cambiata negli ultimi anni e di come è stato sistemato il bosco”, ha detto ancora Bellenger.



Al termine della visita, nel corso della quale si è sempre parlato in francese, sono stati donati ai due presidenti due vasi in porcellana realizzati dalla Real Fabbrica di Capodimonte. Si è rinnovata così l’antica tradizione diplomatica secondo la quale si donavano porcellane. I vasi bianchi sono in porcellana tenera e oro zecchino dipinto a mano, a terzo fuoco, con applicazioni plastiche di fiori in porcellana.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su