Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Open Arms, difesa Salvini: da pm toni aggressivi contro teste

colonna Sinistra
Venerdì 13 maggio 2022 - 12:37

Open Arms, difesa Salvini: da pm toni aggressivi contro teste

Udienza sospesa durante deposizione di Fabrizio Mancini

Palermo, 13 mag. (askanews) – Udienza a Palermo del processo Open Arms, che vede coinvolto Matteo Salvini, sospesa per qualche minuto. L’ha deciso il presidente del tribunale dopo uno scontro acceso tra accusa e difesa durante la testimonianza di Fabrizio Mancini.


Il direttore del Servizio Immigrazione presso la Direzione Centrale dell’Immigrazione e della Polizia delle Frontiere del Viminale stava rispondendo alle domande del pm relative ai tempi dello sbarco – si apprende da fonti della difesa di Matteo Salvini -, ma mentre stava riferendo che sia prima che dopo il caso Open Arms c’erano stati episodi simili (“la procedura prevedeva l’attesa di qualche giorno per la redistribuzione europea”), il pm ha provato a interromperlo con toni aggressivi. L’avvocato Giulia Bongiorno è quindi intervenuta per permettere al teste di concludere la risposta, da lì si è innescato un botta e risposta e la seduta è stata interrotta. Mancini è stato chiamato a testimoniare dall’accusa.



La difesa di Salvini ha fatto notare che “non si possono usare questi toni aggressivi nei confronti di un testimone”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su