Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Carfagna: Mezzogiorno asset più importante su cui investire oggi

colonna Sinistra
Venerdì 13 maggio 2022 - 12:05

Carfagna: Mezzogiorno asset più importante su cui investire oggi

E' al Sud che rinnovabili hanno maggiori margini di sviluppo e resa

Sorrento, 13 mag. (askanews) – “I nuovi scenari determinati prima dalla pandemia e poi dalla guerra in Ucraina, dalla crisi energetica, dalla crisi dell’agroalimentare, la necessità ma anche l’opportunità di reindustrializzare l’Europa, rendono il Mezzogiorno l’asset più importante su cui investire in questo momento, perché è al Sud che le rinnovabili hanno maggiori margini di sviluppo e resa”. A dirlo è il ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna intervenendo alla prima giornata dei lavori del forum ‘Verso Sud’ iniziato oggi a Sorrento.


“E’ al Sud che dovremo immaginare di collocare i nuovi rigassificatori per trasformare il gas naturale liquefatto che verrà sempre più dall’America e altri Paesi del mondo, – evidenzia la Carfagna – è il Sud che dovrà essere messo nelle condizioni di attrarre nuovi investimenti industriali in un’epoca in cui si ridurranno le catene globali del valore, e quindi dovremo riportare in Europa produzioni che in passato troppo entusiasticamente avevamo lasciato in Cina e in Asia. E’ il Sud che deve rafforzare il suo ruolo di interlocutore privilegiato con i Paesi del Mediterraneo, è il Sud a essere un hub energetico naturale per l’approvvigionamento di gas in arrivo dall’Africa e dal Medio Oriente. Sono sfide politiche, prima ancora che energetiche, industriali e commerciali, che possono assegnare al Sud un profilo strategico decisivo nei nuovi equilibri geopolitici mondiali. Noi vogliamo attrezzare il Sud per vincere queste sfide. Lo stiamo facendo”.



“A lungo si è discusso e si discuta dell’assenza di una politica industriale per il Mezzogiorno, – continua la Carfagna – ma forse non tutti si sono resi conto che il Pnrr è un grande strumento di politica industriale e noi lo abbiamo utilizzato per disegnare la nostra visione di politica industriale per il paese e per il Mezzogiorno”. “Il Sud può essere la risposta alle tante questioni che interrogano la politica e il Sud può essere una risposta giusta alla bassa crescita del nostro Paese. Questa scommessa potremo vincerla soltanto se saremo tutti uniti, benvenuti nel nuovo Sud che stiamo costruendo” conclude.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su