Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Di Battista: soldi Stato per ripulire Mps a favore di Unicredit

colonna Sinistra
Giovedì 14 ottobre 2021 - 18:30

Di Battista: soldi Stato per ripulire Mps a favore di Unicredit

"Mentre si discute se pagare o no i tamponi per i lavoratori"

Roma, 14 ott. (askanews) – I vertici di Unicredit fanno pressione sul governo perché usi altre risorse dello Stato per “ripulire” finanziariamente il Monte dei Paschi di Siena in vista dell’acquisizione. A lanciare l’accusa è l’ex deputato del M5S Alessandro Di Battista, in un post su Facebook. “Lui – scrive a commento della foto che accompagna il post – è Andrea Orcel, l’Ad di Unicredit. C’è chi lo chiama il ‘banchiere di Dio’ per via dei suoi rapporti con il Vaticano e con l’Opus Dei e chi il ‘Cristiano Ronaldo’ della finanza per le sue capacità e, probabilmente, per il conto in banca. In queste ore Orcel, insieme a Padoan (presidente di Unicredit nonché il ministro dell’Economia che diede a Mps oltre 5 miliardi di denaro pubblico nel 2016) stanno pressando il governo italiano affinché metta altri soldi in Mps prima dell’acquisto dell’antica banca senese da parte di Unicredit”.


“Mentre si discute se pagare o meno i tamponi per i lavoratori senza Green Pass (io, assolutamente PRO-VAX – anzi consiglio a tutti di vaccinarsi come avviene anche in paesi che nulla hanno a che vedere con big-pharma – sono sempre più scettico verso il GP per i lavoratori non comprendendo perché si attui una tale discriminazione a fronte di una campagna vaccinale che ci dicono sia ottima e soprattutto in virtù del fatto che in nessun Paese del mondo occidentale si è deciso di attuare una misura del genere) sappiate – scrive – che dalle nostre tasche stanno per uscire cifre inaudite per permettere il matrimonio Unicredit-MPS, l’ennesima fusione, l’ennesimo accentramento di potere, stavolta finanziario”.



“Il ministero dell’Economia, infatti, sta pensando addirittura ad un nuovo aumento di capitale per Mps. Il tutto – sostiene l’attivista ed ex parlamentare – per coprire soprattutto gli esuberi. In pratica l’Unicredit di Orcel e Padoan comprerà Mps a patto che lo Stato la ripulisca ancora con denaro pubblico occupandosi, di fatto, degli esuberi, ovvero di centinaia (forse migliaia) di dipendenti Mps che Unicredit non vuole”.(Segue)




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su