Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • L’arcivescovo di Catanzaro si dimette a pochi mesi dalla pensione

colonna Sinistra
Mercoledì 15 settembre 2021 - 13:31

L’arcivescovo di Catanzaro si dimette a pochi mesi dalla pensione

Mons. Panzetta amministratore apostolico dopo addio di Bertolone

Città del Vaticano, 15 set. (askanews) – Via l’arcivescovo di Catanzaro-Squillace. Il Papa, rende noto la sala stampa vaticana, ha accettato la rinuncia presentata da mons. Vincenzo Bertolone, che il prossimo 17 novembre compirà 75 anni, l’età canonica di pensionamento. Come è consuetudine, la Santa Sede non ha specificato il motivo della rinuncia.


Mons. Bertolone era anche presidente della conferenza episcopale calabrese.



La diocesi da parte sua ha reso noto che il papa ha nominato quale amministratore apostolico mons. Angelo Raffaele Panzetta, arcivescovo di Crotone-Santa Severina. “Ho assunto il nuovo incarico con un amore grande verso il Santo Padre che, con tale decisione, mi ha manifestato fiducia e incoraggiamento, e anche con una vera gratitudine verso mons. Bertolone che per tanti anni ha guidato con passione la vostra Chiesa bella e gloriosa”, afferma il presule in una nota. “Vengo tra voi nel nome del Signore e con i sentimenti di un padre e di un fratello, per accompagnare la comunità intera in questo tempo denso di speranza in attesa che sia scelto il nuovo Arcivescovo”, ha detto mons. Panzetta. “Vivrò questa nuova esperienza come un’opportunità di conoscere le persone e i volti di un popolo che si caratterizza per una fede profonda, una carità operosa e una speranza vivace”. Mons. Panzetta si è detto “convinto di poter contare sulla disponibilità e sulla docilità di una comunità” che “si rende conto di vivere un tempo per molti aspetti drammatico ma anche gravido di tante opportunità per ripartire da Cristo e dal Vangelo”. Mons. Panzetta ha chiesto alla comunità catanzarese “il dono della preghiera”: “Si moltiplichi – ha detto nella nota diramata dal Sir – l’invocazione dello Spirito perché ci aiuti a riconoscere i segni della volontà di Dio e le opportunità di grazia seminate nella storia inedita che stiamo vivendo”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su