Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Lepore vince le primarie a Bologna, Pd e sinistra di nuovo insieme

colonna Sinistra
Lunedì 21 giugno 2021 - 12:10

Lepore vince le primarie a Bologna, Pd e sinistra di nuovo insieme

Ilaria Conti sotto di 5 mila voti: "Era il mio sogno, ci sarà tempo"

Lepore vince le primarie a Bologna, Pd e sinistra di nuovo insieme
Bologna, 21 giu. (askanews) – Alla fine della giornata hanno votato in oltre 26 mila bolognesi: a Matteo Lepore vanno 15.708 voti, a Isabella Conti circa cinquemila in meno. Il risultato è netto: 59,6% contro 40,4%. Il candidato del centrosinistra per le elezioni comunali del prossimo ottobre sarà dunque Lepore, “l’uomo del Pd”, l’assessore per dieci anni del Comune a fianco dell’attuale sindaco Virginio Merola.


Un risultato importante, quello delle primarie che si sono svolte domenica sotto le Due Torri, in particolare per i dirigenti del Partito democratico che ora, dopo mesi di screzi e il rischio di spaccature al proprio interno, possono tirare un sospiro di sollievo. E possono, con una falcata, accelerare sulla rappacificazione con quella sinistra che proprio in Emilia-Romagna ha cominciato a perdere i primi pezzi negli anni passati. “Dobbiamo unire il centrosinistra, in questi mesi abbiamo dimostrato che si può fare – ha spiegato Lepore, prima di alzare i calici nel suo comitato elettorale -. Il Pd e tutta la sinistra” saranno “di nuovo insieme, dopo tanti anni. Questa è la strada premiata dagli elettori”. E poi ancora più in là, immaginandosi subito nuove alleanze: “Questa strada – ha aggiunto – è anche quella del Movimento 5 stelle”.



Conti, di Italia Viva, si lecca le ferite e torna a dedicarsi a tempo pieno all’attività di sindaco di San Lazzaro. Ma il suo è solo un arrivederci (“verrà un tempo, verrà un momento”) a “qualcosa” di ancora non chiaro. Sarà una lista civica a sostegno di Lepore? “Abbiamo raggiunto un risultato insperato – ha commentato, dopo essersi complimentata con il vincitore -. Il nostro sogno proseguirà unendo le forze con i nostri ex avversari e oggi fratelli per proporre alla città la migliore politica. Il mio sogno era di essere la sindaca della città più straordinaria della terra. Verrà il tempo, verrà il momento. Sono convinta che i nostri slanci e i nostri valori sopravviveranno se continueremo a sentirli profondamente in noi, accompagnati dall’urgenza di dare il nostro leale e autentico supporto a tutta la coalizione di centrosinistra”.


Si chiude così una campagna elettorale dai toni pesantissimi, durante la quale sono volati stracci dentro il partito di Letta. Tensioni e polemiche proseguite anche durante il voto: in alcuni seggi (gazebo) si sono presentati elettori che si rifiutavano di sottoscrivere il ‘patto’ del centrosinistra previsto nel regolamento del Pd e c’è chi ha puntato il dito contro Isabella Conti, rea di aver ricevuto l’endorsement di una parte del centrodestra moderato della città.



“Non è stata una bella campagna, quasi esclusivamente dominata dalla rincorsa delle varie fazioni presenti – ha commentato Paolo Pombeni, storico e politologo -. Non è un buon viatico per un sindaco che deve affrontare una stagione molto difficile. Più che pensare a coinvolgere il M5s o altri moderati occorreva più attenzione, per esempio, ai temi che riguardano il Pnrr e al ruolo di Bologna a livello europeo. Così avremmo dimostrato di avere una classe politica un po’ meno da ‘caminetto’ e più da grande città universitaria”.


Un “pastrocchio”, accompagnato da “gente che ha dato pugni sotto la cintura”. Queste per Pombeni sono le colpe di chi ha organizzato le primarie: “Lepore adesso avrà difficoltà a sostenere l’abbraccio largo con Sardine, sinistra estrema e M5s”.



Le parole conclusive sono del segretario del Pd provinciale, Luigi Tosiani, uno di quelli che più ha sospirato dopo lo scrutinio: “Adesso inizia una stagione nuova che insieme andremo a scrivere non solo per la città ma anche per il nuovo centrosinistra che deve partire dal territorio”.


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su