Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Mattarella: il Paese non è fermo, può farcela

colonna Sinistra
Mercoledì 2 giugno 2021 - 20:10

Mattarella: il Paese non è fermo, può farcela

Italia ha risorse e potenzialità straordinarie

Mattarella: il Paese non è fermo, può farcela
Roma, 2 giu. (askanews) – Il Paese “non è fermo”, “può farcela”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo discorso al Quirinale per i 75 anni della Repubblica.


“Qualcuno, a volte – ha rilevato – manifesta l’impressione che questo spirito, che animò i costruttori di allora, sia andato smarrito. Che il Paese si sia fermato, imbrigliato da inerzie e pigrizie, bloccato da rendite di posizione, dall’illusione di poter sopravvivere seguendo la logica emergenziale del “giorno per giorno”. Il Paese non è fermo”.



Per Mattarella “affiora talvolta la tentazione di rinchiudersi nel presente, trascurando il futuro. Ma non può essere così. Quando diciamo che nulla sarà come prima sappiamo che il cambiamento è già in atto. Ed è veloce. Sono cambiati gli stili di vita; le sensibilità delle persone. Alle domande relative alla sicurezza del proprio futuro, al lavoro, alla casa, si affiancano le preoccupazioni per la salute, per la vivibilità e la sostenibilità ambientale. E, inevitabilmente, cambiano le priorità nelle agende della politica e dell’economia globale”.


La Repubblica, ne è certo Mattarella, “possiede valori e risorse per affrontare queste sfide a viso aperto. Ha potenzialità straordinarie. L’ineguagliabile patrimonio di arte e cultura, che affonda le sue radici nel passato e che continua a esprimersi e a parlare al mondo grazie a interpreti e intelligenze ammirate ovunque. Ha creatività. Competenze. Capacità che ci rendono in tanti settori un Paese all’avanguardia. Ne sono esempio tante nostre aziende che esprimono la qualità italiana, motore di sviluppo e di benessere in questi decenni. Ne sono esempio donne e uomini impegnati nella ricerca e nei settori dell’innovazione e delle tecnologie più avanzate. Un’altra donna italiana oggi ci rende orgogliosi: Samantha Cristoforetti, prima europea chiamata a comandare la stazione spaziale internazionale”.



Insomma “l’Italia, la nostra Patria, ha le carte in regola per farcela”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su