Header Top
Logo
Giovedì 7 Luglio 2022

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Centrodestra: grave decisione governo di forzare sulle nomine

colonna Sinistra
Venerdì 17 aprile 2020 - 19:29

Centrodestra: grave decisione governo di forzare sulle nomine

Ci chiamiamo fuori da spartizione che va contro spirito di collaborazion
Centrodestra: grave decisione governo di forzare sulle nomine

Roma, 17 apr. (askanews) – E’ “grave” la decisione di maggioranza e governo di forzare sulle nomine. E’ quanto affermano, in una nota congiunta, i tre leader del centrodestra Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi.

“Prima dell’emergenza coronavirus, i partiti della maggioranza -sottolineano – avevano rinviato per nove mesi le nomine di Agcom e Garante della Privacy: due autorità di garanzia fondamentali, che oggi dovrebbero operare nel pieno delle loro funzioni, soprattutto in un momento nel quale è prioritario difendere i dati e la libertà personale degli italiani. Ora invece, in piena emergenza coronavirus, il governo e la maggioranza vogliono procedere al rinnovo dei vertici di enti e di aziende pubbliche”.

“Dopo Inps e Inail – sostengono – è il momento delle grandi aziende di Stato, a partire da Eni, Enel, Poste, Leonardo e Terna. Noi avevamo chiesto il congelamento e il rinnovo automatico degli amministratori in carica, sia perché in questa fase non è opportuno introdurre motivi di tensione e di conflitto mentre tutte le forze dovrebbero essere orientate alla lotta all’emergenza sanitaria ed economica, sia per salvaguardare la stabilità e la continuità nella guida delle aziende in un momento delicatissimo nel quale sono particolarmente esposte alla crisi dei mercati e a manovre speculative di tipo finanziario”.

“E’ grave – dichiarano – che la maggioranza voglia effettuare questa forzatura quando anche il controllo parlamentare è necessariamente indebolito. L’opposizione si chiama fuori da questa scelta infelice, che certo non va nello spirito di collaborazione responsabile più volte invocato dal presidente della Repubblica, e quindi non parteciperà all’indicazione dei nuovi amministratori. Lasciamo a Cinquestelle, Pd e Italia viva l’irresponsabile spartizione di poltrone alla quale si stanno dedicando in un momento così delicato”, concludono i tre leader.

Pol/Bac

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra