La Banca centrale Svizzera: assicurate "ingenti liquidità", arginata la crisi Credit Suisse - askanews.it
Esci

‘Su:ggestiva’: la rassegna multisensoriale al Parco dell’Appia Antica

Musica e visite guidate nei weekend del 14 e 23 ottobre

OTT 15, 2022 -

Roma, 15 ott. (askanews) – Sullo sfondo coinvolgente ed emozionante del Parco Archeologico dell’Appia Antica – precisamente nel Ninfeo della Villa dei Quintili – si esibiranno artisti nazionali, internazionali e nuovi talenti, per un mix di generi che spaziano dal rock alla musica sperimentale fino ad arrivare all’elettronica. Per scoprire ancor meglio, poi, la magia del Parco Archeologico, si aggiungono alla proposta di Su:ggestiva anche due visite guidate al Parco, sabato 22 ottobre, a cura della guida e storica dell’arte Aurelia Di Simone (alle 10 si terrà una passeggiata con giochi per bambini dai 6 anni in su percorrendo l’Appia Antica, mentre alle 14.30, gli adulti potranno scoprire, sempre con Aurelia Di Simone, le bellezze della Villa dei Quintili). È il luogo che ospita il concerto a essere, dunque, insieme alla performance artistica, il fulcro dell’esperienza. Il progetto, nato in collaborazione con l’Associazione Culturale ARTmosfera, l’Associazione Taste&Travel e ATCL, vuole far scoprire nuove narrazioni visive, musicali ed emozionali attraverso l’incontro tra la musica e alcuni luoghi straordinari e suggestivi e fa parte dei 13 progetti speciali inseriti al’interno della Biennale MArteLive – il più grande festival multidisciplinare diffuso europeo, ideato e diretto da Giuseppe Casa – che apre i battenti il 15 ottobre a Roma. Dopo la strepitosa anteprima dei Múm al Monk a fine settembre, a inaugurare propriamente Su:ggestiva, il 14 ottobre, saranno Sebastiano De Gennaro ed Enrico Gabrielli, polistrumentisti di fama internazionale, che vantano, tra gli altri, collaborazioni con i Calibro 35, PJ Harvey, Nic Cester, Rkomi e Daniele Silvestri. Co-fondatori insieme a Francesco Fusaro dell’etichetta discografica 19’40”, il duo presenterà “Microcosmicomica”, uno spettacolo musicale da loro definito “per l’infanzia di compositori del ‘900 che va bene anche per i grandi”. Il 15 ottobre si aggiunge lo spettacolo di Federico Dragogna, membro della band i Ministri, dedicato a Fabrizio De Andrè. “Quello che Ho Capito di De Andrè” è un’ibridazione tra musica, reading dove si racconta il celebre cantautore ligure in una chiave del tutto personale e avvincente. Il 16 e il 17 ottobre invece, gli I Hate My Village offriranno un’esperienza unica: la band, nuovo punto di riferimento per la scena alternativa e rock in Italia, si insedierà nel Ninfeo della Villa dei Quintili per una residenza all’insegna della composizione e della sperimentazione, durante la quale il pubblico avrà la possibilità di assistere a quattro imperdibili sessioni di prove aperte chiamate “Ruderi Session”. Questa esperienza verrà poi riportata integralmente in un concerto speciale il 23 ottobre, durante il quale la band suonerà anche diversi estratti dal loro ultimo album Gibbone. Nel secondo week-end di Su:ggestiva, invece, il Ninfeo della Villa dei Quintili ospiterà artisti di respiro internazionale, lasciando spazio anche ai talenti emergenti selezionati tramite la Call for Artists. Venerdì 21 ottobre, sarà il pianoforte a essere il protagonista assoluto delle performance in programma, in tutte le sue molteplici sfumature. Per l’occasione, dunque, tre artisti dal talento straordinario: Francesco Taskayali, compositore turco-italiano selezionato dalla Call for Artist dalle incredibili capacità di sperimentazione e composizione musicale. A seguire Lambert, il pianista mascherato, la cui musica è un flusso continuo tra jazz, classica e ambient e infine i suoni elettronici di Niklas Paschburg, che creeranno un’ambientazione pop chill-out che accompagnerà il pubblico fino alla performance dei 72-HOUR POST FIGHT, band che chiuderà la serata con le loro atmosfere fluide, in cui convivono elettronica, interventi jazz, chitarre e batteria. Il loro ultimo album, NON-BACKGROUND MUSIC è una straordinaria collezione di brani caratterizzati da un approccio orizzontale nella capacità di mescolare generi diversi per ricavarne uno che è ascoltabile all’infinito. Il 22 ottobre, alle 18, sarà la volta invece di Gold Mass, seconda artista selezionata dalla Call for Artists promossa da Scuderie MArteLive. A seguire Parra for Cuva, giovane producer con base a Berlino, in rapida ascesa a livello mondiale, che proporrà al pubblico di Su:ggestiva un viaggio meditativo. Si prosegue con il tocco femminile di Her Skin e la sua band, con cui ha calcato palchi internazionali come il Primavera Sound di Barcellona o il SXSW di Austin. A terminare la giornata il piacevole ritorno, dopo l’esibizione online, dei Mòn accompagnati da una sessione di fiati, con le loro pulsazioni internazionali che incrociano electro-folk, indie pop e rintocchi ambient. Su:ggestiva termina, infine, il 23 ottobre con la presentazione del nuovo lavoro “My Nirvana” di Redi Hasa, il fenomenale violoncellista albanese, che rivisiterà le canzoni di una band che ha segnato un punto di svolta nella storia del rock mondiale trasformandole attraverso un sound unico e riconoscibile combinato all’elettronica. La serata prosegue con le melodie soft ed sognanti del musicista e compositore scozzese C Duncan con le sonorità fluide del suo ultimo album Alluvium. In chiusura: il live speciale degli I Hate My Village che riporteranno in musica con il “Ruderi Show”, oltre ai loro successi, la loro esperienza dei giorni precedenti durante la loro residenza artistica con Su:ggestiva: una rassegna unica per ricchezza di contenuti abbinata alla magia di luoghi dimenticati o sconosciuti di Roma. Su:ggestiva è un format ideato e curato da Giuseppe Casa in collaborazione con Lune Magrini, Giulia Bifulco e Lucia Grosso, organizzato da ARTmosfera in collaborazione con MArteLabel.