Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Attentato a Gerusalemme, ucciso un 16enne alla fermata del bus

colonna Sinistra
Mercoledì 23 novembre 2022 - 11:19

Attentato a Gerusalemme, ucciso un 16enne alla fermata del bus

Ci sono feriti

Attentato a Gerusalemme, ucciso un 16enne alla fermata del bus
Roma, 23 nov. (askanews) – E’ uno studente di 16 anni la vittima dell’attacco messo a segno questa mattina a Gerusalemme. Secondo l’emittente Kan, si tratta di Aryeh Shtsupak che aveva anche la cittadinanza canadese.


Lo studente è rimasto ucciso nella prima esplosione avvenuta nei pressi di una fermata di autobus, in cui sono rimaste ferite altre 18 persone, tra cui una in condizioni critiche e altre cinque in condizioni gravi-moderate, secondo quanto reso noto dalle autorità mediche citate dal Times of Israel. Altre cinque persone sono rimaste ferite nel secondo attacco avvenuto sempre nei pressi di una fermata di autobus.



L’organizzazione palestinese Jihad islamica ha definito “una risposta naturale all’occupazione” il duplice attacco avvenuto oggi a Gerusalemme, che ha causato un morto e 22 feriti.


“L’operazione nella città occupata di Gerusalemme è una risposta naturale all’occupazione, al suo terrorismo e alle sue pratiche criminali contro l’indifeso popolo palestinese e i suoi luoghi santi”, recita la nota diffusa dall’organizzazione palestinese e riportata dal Times of Israel, che ha sottolineato come nessuno si sia assunto finora la responsabilità dell’attacco compiuto con due ordigni nei pressi di due fermate di autobus.



Anche Hamas, che controlla la Striscia di Gaza, ha definito “l’azione” come un “messaggio all’occupazione” sul fatto che “il nostro popolo resterà saldo sulla propria terra e si aggrapperà al sentiero della resistenza”.


“I prossimi giorni saranno intensi e più difficili per il nemico. È giunto il momento per la creazione di cellule sparse in tutta la Palestina e pronte per un confronto”, ha aggiunto il portavoce di Hamas, Mohammad Hamada.



Sim/Int2


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su