Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Kiev: non è un referendum, è farsa. L’esercito russo costringe gli abitanti a votare per l’annessione

colonna Sinistra
Venerdì 23 settembre 2022 - 10:13

Kiev: non è un referendum, è farsa. L’esercito russo costringe gli abitanti a votare per l’annessione

Aperti i seggi per i referendum di annessione nelle Repubbliche autoproclamate di Donetsk e Lugansk

Kiev: non è un referendum, è farsa. L’esercito russo costringe gli abitanti a votare per l’annessione
Roma, 23 set. (askanews) – Nelle autoproclamate repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, aree dell’Ucraina parzialmente sotto il controllo russo, sono partiti stamani i referendum di adesione a Mosca. Lo afferma l’agenzia di stampa Ria Novosti.


In entrambe le aree – secondo quanto hanno comunicato le rispettive commissioni elettorali – i seggi hanno aperto i battenti alle 8 locali (7 in Italia).



Il governatore della regione ucraina di Luhansk, Sergey Haidai, ha denunciato atti di coercizione da parte dell’esercito russo per spingere gli abitanti a votare per il referendum sull’annessione alla Russia.


“Secondo le informazioni disponibili, gli occupanti stanno creando gruppi armati per accerchiare le case e costringere le persone a partecipare al cosiddetto “referendum”, ha affermato, e “coloro che non parteciperanno alla votazione verranno automaticamente licenziati dal loro lavoro”. In alcune zone della regione, “le autorità hanno vietato alla popolazione locale di lasciare la città tra il 23 e il 27 settembre”.



Secondo Anatoly Kurtev, segretario del consiglio municipale di Zaporizhzhia (capoluogo della regione parzialmente occupata dai russi), ai residenti locali vengono promessi soldi e il passaporto della Federazione russa” per convincerli a votare.


“Oggi non c’è alcuna azione legale chiamata ‘referendum’ nei territori occupati”, ha scritto su Twitter il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak per ribadire la posizione dell’Ucraina sui “referendum” nelle zone sotto controllo russo a Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia.



Quello che si sta svolgendo, ha aggiunto Podolyak, “è solo uno spettacolo di propaganda per la coscrizione Z” e quello che serve è “la liberazione immediata del territorio dell’Ucraina”.


Mos/ Dmo/Orm/Int14


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su