Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Candidature per 16 esperti del Turismo radici entro il 22 agosto

colonna Sinistra
Mercoledì 17 agosto 2022 - 14:02

Candidature per 16 esperti del Turismo radici entro il 22 agosto

Il bando lanciato dal Maeci

Candidature per 16 esperti del Turismo radici entro il 22 agosto
Roma, 17 ago. (askanews) – Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – Direzione Generale per gli Italiani all’estero e le Politiche Migratorie – per l’attuazione del Progetto “Il turismo delle radici – una strategia integrata per la ripresa del settore del turismo nell’Italia post covid-19”, ricerca 16 esperti di elevata qualificazione e comprovata esperienza nella gestione di progetti nel settore dei beni culturali, del turismo e dei viaggi delle radici a cui conferire un incarico di collaborazione con le modalità di cui all’articolo 1, comma 5, lettera a) del decreto-legge 9 giugno 2021, n. 80, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2021, n. 113.


Per “turismo delle radici” si intende quel particolare segmento del turismo che si propone di offrire un sistema articolato di servizi turistici rivolto agli italiani di nuova generazione e agli oriundi italiani residenti all’estero, che coniuga alla proposta di beni e servizi del terzo settore (alloggi, enogastronomia, visite guidate) la conoscenza della storia familiare e della cultura d’origine degli italo-discendenti.



Entro il 22 agosto 2022 i soggetti interessati, in possesso dei requisiti richiesti, previa registrazione sul Portale inPA (https://www.inpa.gov.it), possono aderire all’avviso, fermo restando che non è consentito il conferimento a ciascun iscritto di più di un incarico per volta.


Sarà possibile presentare la propria candidatura per un solo ambito territoriale, come da elenco in calce. Il Portale inPA genererà 16 elenchi digitali, 1 per ogni ambito territoriale, contenenti gli iscritti che hanno aderito all’avviso in possesso di profilo professionale congruente a quello richiesto dall’amministrazione.



L’amministrazione, sulla base degli elenchi, invita al colloquio selettivo un numero di candidati pari ad almeno quattro volte il numero di figure richieste e comunque in numero tale da assicurare la parità di genere.


All’esito della procedura, con provvedimento motivato, l’amministrazione individua i soggetti ai quali conferire l’incarico entro il 31/10/2022. Il rapporto contrattuale intercorre tra la Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie del MAECI e l’esperto.



Profilo professionale: Esperto nella gestione di progetti nel campo dei beni culturali, del turismo e dei viaggi delle radici L’incarico affidato agli esperti, che assumeranno il ruolo di Coordinatori Regionali di progetto e che opereranno sul territorio regionale di rispettiva competenza, avrà ad oggetto le seguenti attività, tutte da svolgersi in stretto raccordo con il Responsabile del Progetto del Turismo delle radici presso la Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie (DGIT) del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e con il Coordinatore Nazionale di Progetto, reclutato in qualità di collaboratore esterno all’Amministrazione:


nell’ambito della Componente 2 del Progetto, collaborare, insieme alla DGIT del MAECI, nell’area territoriale di riferimento, nonché coadiuvare i gruppi di operatori che verranno appositamente istituiti nella definizione e nel raggiungimento dei rispettivi obiettivi, in particolare per quanto riguarda l’offerta turistica rivolta agli italiani all’estero e la sensibilizzazione dell’opinione pubblica nazionale rispetto al tema dell’emigrazione italiana e dell’accoglienza dei turisti delle radici; nell’ambito della Componente 3 del Progetto, collaborare, nell’area territoriale di riferimento, all’attuazione delle attività di digitalizzazione e indicizzazione dei documenti; nell’ambito della Componente 4 del Progetto coordinare, nell’area territoriale di riferimento, in collaborazione con i gruppi di operatori di cui al precedente punto a) e con gli enti territoriali, la gestione delle informazioni da inserire all’interno dell’App dedicata che fornirà indicazioni sui percorsi della memoria del territorio regionale e sui servizi mirati per i turisti delle radici; nell’ambito della Componente 5 del Progetto, nell’area territoriale di riferimento, coordinare insieme ai gruppi di operatori di cui al punto a) l’individuazione degli itinerari delle radici e facilitarne la fruizione da parte dei turisti delle radici; nell’ambito della Componente 6 del Progetto, in collaborazione con le Autorità regionali di riferimento, contribuire alla predisposizione della mappatura della presenza sul territorio regionale di musei dell’emigrazione o di sezioni dedicate a questo tema all’interno di altre strutture museali e coadiuvare la creazione di una rete di Musei dell’emigrazione che verrà creata a livello nazionale; nell’ambito della Componente 7 del Progetto, nell’area territoriale di riferimento, coadiuvare i gruppi di operatori di cui al punto a) nella raccolta di dati e informazioni necessarie alla realizzazione del “Passaporto delle radici italiane”; nell’ambito della Componente 8 del Progetto, definire in coordinamento con gli enti territoriali e i gruppi di operatori di cui al punto a) di riferimento, le attività da includere nella programmazione delle working holidays; nell’ambito della Componente 9 del Progetto, coadiuvare la DGIT del MAECI, e in particolare il Responsabile della comunicazione e del marketing, nella individuazione delle attività di comunicazione da attuare sul territorio di riferimento in collaborazione con gli enti territoriali e le rispettive comunità di connazionali e oriundi italiani residenti all’estero; nell’ambito della Componente 10 del Progetto, collaborare alla definizione del calendario degli eventi, da organizzare nell’ambito del “2024 – Anno delle radici italiane”, in raccordo con le Autorità regionali e i gruppi di operatori di cui al punto a) di riferimento, sotto il coordinamento della DGIT del MAECI; nell’ambito della Componente 11 del Progetto, collaborare con l’Università di riferimento nel territorio di propria competenza, inserita nella Rete di Università per lo studio ed il monitoraggio del turismo delle radici per segnalare le esigenze del territorio; controllo contabile delle spese sostenute dai gruppi di operatori di cui al punto a) con i fondi del PNRR ottenuti per la realizzazione delle attività di cui al Progetto e predisposizione della relativa documentazione di rendiconto. Per maggiori dettagli clicca qui: Avvisi selezione collaboratori – Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale


In aggiunta ai requisiti previsti dall’art. 2 del D.M. 14 ottobre 2021 del Ministro per la Pubblica Amministrazione, sono richiesti i seguenti ulteriori requisiti, da possedere alla data di scadenza delle date del presente avviso:


conoscenza e padronanza della lingua italiana; insussistenza di cause limitative della propria capacità di sottoscrivere contratti con la pubblica amministrazione e/o cause di incompatibilità al conferimento di incarichi libero-professionali; insussistenza di situazioni, anche potenziali, di conflitto di interessi rispetto all’incarico da svolgere; Laurea magistrale o equiparate (o titoli stranieri equivalenti o equipollenti): cicli unici 5 anni: LMG/01 Giurisprudenza LMR/02 Conservazione e Restauro dei Beni Culturali cicli biennali magistrali: LM-1 Antropologia Culturale ed Etnologia LM-3 Architettura del Paesaggio LM-4 Architettura e Ingegneria Edile-Architettura LM-5 Archivistica e Biblioteconomia LM-10 Conservazione dei Beni Architettonici e Ambientali LM-11 Conservazione e Restauro dei Beni Culturali LM-16 Finanza LM-31 Ingegneria Gestionale LM-35 Ingegneria per L’ambiente e il Territorio LM-37 Lingue e Letterature Moderne Europee e Americane LM-38 Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale LM-48 Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale LM-49 Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici LM-52 Relazioni Internazionali LM-56 Scienze dell’economia LM-59 Scienze della Comunicazione Pubblica, d’impresa e Pubblicita’ LM-62 Scienze della Politica LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni LM-65 Scienze dello Spettacolo e Produzione Multimediale LM-73 Scienze e Tecnologie Forestali ed Ambientali LM-75 Scienze e Tecnologie per l’ambiente e il Territorio LM-76 Scienze Economiche per l’ambiente e la Cultura LM-77 Scienze Economico-Aziendali LM-80 Scienze Geografiche LM-81 Scienze per la Cooperazione allo Sviluppo LM-84 Scienze Storiche LM-87 Servizio Sociale e Politiche Sociali LM-88 Sociologia e Ricerca Sociale LM-89 Storia dell’arte LM-90 Studi Europei LM-92 Teorie della Comunicazione Conoscenza della lingua inglese; Esperienza anche non continuativa in attività di gestione di progetti in materia di beni culturali o turismo che abbiano comunque coinvolto le comunità di italiani all’estero; Esperienza anche non continuativa nel settore contabile e/o amministrativo; Esperienza anche non continuativa in attività di coordinamento di gruppi di lavoro costituiti da un minimo di cinque persone; Esperienza anche non continuativa nella gestione di progetti che coinvolgono amministrazioni pubbliche situate nella Regione prescelta per la candidatura; La somma dei periodi di esperienza relativi ai requisiti sopraelencati dovrà complessivamente raggiungere almeno i cinque anni. Nell’ambito della selezione il MAECI valuterà i seguenti titoli preferenziali, ai quali saranno attribuiti punteggi secondo una scala graduata riportata sul bando di selezione pubblicato su Esteri.it:


Voto della Laurea magistrale o equiparate (o titoli stranieri equivalenti o equipollenti) indicata come requisito di accesso; Dottorato e/o Master di II livello e/o master di I livello in settori coerenti con le classi di laurea indicate alla lettera d) dei “Requisiti”; Padronanza di apparecchiature e applicazioni informatiche; Conoscenza di una o più delle seguenti lingue: francese, spagnolo, portoghese; Conoscenza del fenomeno del turismo delle radici; Capacità di coordinamento di gruppi di lavoro; Conoscenza dei meccanismi di azione delle Pubbliche Amministrazioni; Conoscenza delle comunità italiane all’estero e dell’organizzazione del sistema di rappresentanza degli italiani all’estero. Tipo di contratto: Incarico di collaborazione Durata del contratto: 12 mesi prorogabili fino ad un massimo di 36 mesi e comunque non oltre il 31 dicembre 2026 Corrispettivo lordo annuo, inclusivo degli oneri a carico del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, di IVA (se dovuta), e rivalsa previdenziale INPS Gestione separata nella misura del 4%. Saranno rimborsabili eventuali spese di trasferta al di fuori dell’ambito regionale di competenza, previamente autorizzate dalla DGIT: € 24.000,00 Termine della procedura (conferimento dell’incarico di collaborazione ): Entro il 31/10/2022 Scadenza avviso: 22/08/2022


CUP: J51B21005910006


Ambito territoriale di svolgimento della prestazione


N. 1 nella Regione Abruzzo; N. 1 nella Regione Basilicata; N. 1 nella Regione Calabria; N. 1 nella Regione Campania; N. 1 nella Regione Emilia Romagna; N. 1 nella Regione Friuli Venezia Giulia; N. 1 nella Regione Lazio; N. 1 nelle Regioni Liguria e Toscana; N. 1 nella Regione Lombardia; N. 1 nelle Regioni Marche e Umbria; N. 1 nella Regione Molise; N. 1 nella Regioni Piemonte e Val d’Aosta; N. 1 nella Regione Puglia; N. 1 nella Regione Sardegna; N. 1 nella Regione Sicilia; N. 1 nella Province autonome di Trento e di Bolzano e nella Regione Veneto. Area geografica:


Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto, Bolzano, Trento


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su