Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Uzbekistan, libertà di stampa da tabù a cantiere

colonna Sinistra
Venerdì 12 agosto 2022 - 15:55

Uzbekistan, libertà di stampa da tabù a cantiere

Le riforme dal 2016 stanno dando risultati anche nel settore media

Uzbekistan, libertà di stampa da tabù a cantiere
Roma, 12 ago. (askanews) – Argomento tabù e punto molto dolente per un quarto di secolo post-sovietico, in Uzbekistan la libertà di parola e stampa è diventata un tema su cui si discute e da anni si lavorai. Le autorità dedite dal 2016 a un corso di riforme orchestrato dal presidente Mirziyoyev possono rivendicare oggi significativi sviluppi e passi concreti, argomenta Dilshod Aripov, dell’Alta Scuola dei Giudici presso il Consiglio giudiziario supremo della Repubblica di Uzbekistan, autore di una serie di analisi sulle riforme nel Paese centro-asiatico.


Oltre 10 leggi e 100 delibere con valore legale sono state adottate per favorire “la trasparenza delle attività dei vertici dello Stato, con l’obiettivo di sviluppare un settore mediatico più solido e promuovere un nuovo rapporto tra potere e stampa. “Purtroppo, tenere per anni lo Stato a distanza dalla libertà di parola e di stampa ha lasciato i suoi “risultati”, spiega Aripov. L’Uzbekistan è stato tra i Paesi con il punteggio più basso in termini di libertà di parola, trasparenza e diritti umani. Gravi disparità tra statistiche reali e pubblicate, occultamento coatto di fatti (lavoro forzato, monopolio del cotone, stato deplorevole dei diritti umani, impoverimento della popolazione, ecc.), tentativi di ostacolare gli sforzi della stampa per evidenziare i fatti hanno portato a considerare del tutto l’Uzbekistan come stato autoritario senza libertà di parola e di commercio”. “Ciò ha persino portato all’adozione di restrizioni sul commercio con la ricchezza e l’orgoglio della nazione uzbeka: il cotone uzbeko”.



Di fronte all’evidenza che si era giunti a una “linea rossa”da cui arretrare, da subito il presidente Shavkat Mirziyoyev ha riservato una particolare e crescente attenzione ai media. I cambiamenti ci sono, e cominciano a diventare evidenti, sostiene l’autore dell’analisi.


“Negli ultimi 4-5 anni sono nate pubblicazioni nazionali indipendenti sul web in grado di attirare milioni di utenti. Sono stati lanciati molti canali televisivi e radiofonici privati. Se nel 2019 c’erano 559 fonti di servizi di informazione nelle organizzazioni statali e non statali – siti ufficiali, canali sui social network – alla fine del 2021 erano 2410”. E’ diventata prassi che i ministeri e altre agenzie governative rispondano a commenti e critiche, con un aumento del tasso di risposta a materiali critici dal 12% nel 2018 a quasi il 90% nel 2020 e quasi il 100% nel 2021 . È emerso “un gruppo di blogger che non ha paura a rivelare problemi e per numero di follower supera diverse pubblicazioni ufficiali. ” Ora le indagini giornalistiche sui problemi non vengono perseguite né punite. È diventato naturale per un giornalista o un blogger con un microfono comparie di fronte a un ministro o un alto funzionario e fare domande”.



Non si è alla meta, ma la dinamica positiva è evidente. E questo, afferma Aripov, grazie a una intensa attività legislativa, compresi decreti del presidente dell’Uzbekistan, in particolare “sulla strategia delle azioni riguardo cinque direzioni prioritarie dello sviluppo della Repubblica di Uzbekistan ancora nel 2017 e la più recente delibera del Presidente della Repubblica del 28 giugno 2022 “Sulle misure per sostenere i mass media e sviluppare il campo del giornalismo” . Questo documento è stato adottato nell’ambito dell’attuazione della strategia di sviluppo del Nuovo Uzbekistan, partendo dall’idea di rafforzare la protezione degli interessi legali dei mass media e per sviluppare il campo del giornalismo. Definisce una serie di compiti relativi al supporto dei mass media, delle pubblicazioni elettroniche e cartacee.


Al fine di continuare le riforme in questo campo in modo più coerente, la nuova “Strategia di sviluppo dell’Uzbekistan per il 2022-2026” allarga l’orizzonte e punta all’ulteriore sviluppo di una società civile libera parallelamente all’ulteriore rafforzamento del ruolo dei mass media e della protezione delle attività professionali dei giornalisti. Lo Stato si ripropone di assicurare sostegno ai mass media che operano e coprono la politica statale nel campo delle relazioni interetniche, dell’interferenza illegale e dell’ostruzione le attività dei media. Tra i progetti, la creazione di un “Forum mediatico” internazionale con la partecipazione di giornalisti ed esperti stranieri e nazionali.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su