Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • coltivate per la prima volta piante nel terreno lunare

colonna Sinistra
Venerdì 13 maggio 2022 - 14:50

coltivate per la prima volta piante nel terreno lunare

I primi germogli comparsi già dopo due giorni

coltivate per la prima volta piante nel terreno lunare
Roma, 13 mag. (askanews) – Gli scienziati hanno coltivato per la prima volta piante nel suolo lunare, un passo importante per rendere possibili soggiorni a lungo termine sulla Luna. I ricercatori hanno utilizzato piccoli campioni raccolti durante le missioni Apollo del 1969-1972 per coltivare un tipo di crescione. Con loro grande sorpresa, i semi sono germogliati dopo due giorni.


“Non posso dirvi quanto siamo rimasti sbalorditi”, ha spiegato Anna-Lisa Paul, professoressa dell’Università della Florida che è coautrice di un articolo sui risultati. “Ogni pianta – sia in un campione lunare che in uno normale – aveva lo stesso aspetto fino al sesto giorno”. Successivamente sono emerse differenze. Le piante coltivate nel suolo lunare hanno iniziato a mostrare segni di stress, si sono sviluppate più lentamente e alla fine sono avvizzite.



Ma gli scienziati coinvolti sostengono che si tratta di una svolta. “Questa ricerca è fondamentale per gli obiettivi di esplorazione umana a lungo termine della Nasa poiché dovremo utilizzare le risorse trovate sulla Luna e su Marte per sviluppare fonti di cibo per i futuri astronauti che vivono e operano nello spazio profondo”, ha affermato il capo della Nasa Bill Nelson, citato dalla Bbc.


“Questa ricerca fondamentale sulla crescita delle piante è anche un esempio chiave di come la Nasa stia lavorando per sbloccare innovazioni agricole che potrebbero aiutarci a capire come le piante potrebbero superare condizioni stressanti in aree a scarsità di cibo qui sulla Terra”, ha aggiunto.



Una sfida per i ricercatori è che non c’è molto terreno lunare con cui fare sperimenti. In un periodo di tre anni dal 1969, gli astronauti della Nasa hanno riportato 382 kg di rocce lunari, fra ciottoli, sabbia e polvere dalla superficie lunare.


Il team dell’Università della Florida ha ricevuto solo 1 grammo di terreno per pianta per l’esperimento dai campioni, che sono stati tenuti sotto chiave per decenni. La Nasa prevede di far atterrare gli esseri umani sulla Luna per la prima volta dal 1972 in una missione prevista per il 2025.



Ihr/Int2


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su