Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Ouellet apre simposio su sacerdozio con Papa denunciando abusi

colonna Sinistra
Giovedì 17 febbraio 2022 - 09:21

Ouellet apre simposio su sacerdozio con Papa denunciando abusi

"Quelli sessuali sono punta dell'iceberg. Il nodo clericalismo"

Ouellet apre simposio su sacerdozio con Papa denunciando abusi
Città del Vaticano, 17 feb. (askanews) – “Cosa si può attendere da una teologia fondamentale del sacerdozio nell’attuale contesto storico dominato dal dramma degli abusi sessuali perpetrati da chierici? Non bisognerebbe piuttosto astenersi dal parlare del sacerdozio quando peccati e crimini di ministri indegni sono sule prime pagine della stampa internazionale per aver tradito il loro impegno o per aver vergognosamente coperto i colpevoli di simili depravazioni? Non bisognerebbe tacere pentirsi e cercare le cause di tali misfatti?”. Così il cardinale Marc uellet, prefetto della congregazione dei vescovi, ha aperto un simposio in Vaticano dedicato al sacerdozio e presieduto questa mattina da papa Francesco.


“Siamo tutti lacerati e umiliati da queste domande cruciali che ogni giorno ci interrogano come membri della Chiesa di Gesù Cristo. Questa occasione è propizia per esprimere il nostro sincero rammarico e domandare ancora perdono alle vittime che soffrono per la loro vita distrutta da comportamenti abisanti e criminali rimasti per troppo tempo nascosti e trattati con leggerezza per la volontà di proteggere l’istituzione e i colpevoli in luogo delle vittime. Questo simposio prende atto di clamore e rabbia del pooplo di Dio. Siamo qui per unire la nostra voce a quella di coloro che reclamano verità e giustizia”.



“Ho creduto – ha spiegato il porporato canadese – che occorresse organizzare un evento come questo per fare il punto sugli studi sociologici in corso e analizzare le cause storiche culturali e teologiche che possano svelare di ciò che Papa Francesco chiama clericalismo. Questo termine è un vocabolo generico e concreto allo stesso tempo che descrive un insime di fenomeni, abusi di potere, abusi spirituali abusi di coscienza, di cui gli abusi sessuali non sono che la punta dell’iceberge visibile e perversa che emerge da deviazioni più profonde, da identificare e smascherare”.


“Credo sinceramente – ha detto ancora il responsabile del dicastero vaticano che prepara le nomine episcopali in tutto il mondo – che non abbiamo ancora gli strumenti per questo penoso e comunque necessario esercizio: questo esame di coscienza teologico, spirituale e pastorale. Occorre che vi ci prepariamo con tappe di riflessione che ricostruiscano in primo luogo l’orizzonte globale del sacerdozio e le dimensioni complementari della sua mediazione. Alla base di questi fenomeni vi è infatti uno squilibrio: la sopravvalutazione di una forma di sacerdozio alle spese dell’altra forma, battesimale, ahimé quasi dimenticata nel mondo cattolico. Storicamente – ha detto Ouellet, teologo della corrente storicamente legata alla rivista conservatrice Communio – la difesa ad opera del magistero del sacerdozio ministeriale in opposizione alla riforma protestante ha lasciato nell’ombra l’altra dimensione essenziale avallando in qualche modo una mentalità clericale di potere e un atteggiamento di eccessivo controllo da parte dei chierici sull’insieme della comunità ecclesiale. L’attuale ricerca sinodale risveglial la speranza di un nuovo equilibrio”.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su