Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Abusi, dopo il rapporto francese appello alla Cei per un’indagine

colonna Sinistra
Mercoledì 13 ottobre 2021 - 16:59

Abusi, dopo il rapporto francese appello alla Cei per un’indagine

"Riteniamo che questo grave ritardo debba essere recuperato "

Abusi, dopo il rapporto francese appello alla Cei per un’indagine
Roma, 13 ott. (askanews) – Dopo che in Francia è stato pubblicato il rapporto di una Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (Ciase) anche in Italia è stato lanciato un appello, rivolto al cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana, affinché si faccia una analoga operazione verità nel nostro paese.


“Pochi giorni fa sono emersi i risultati del lavoro della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa Cattolica commissionato dalla Conferenza Episcopale Francese. Le dimensioni dell’orrore che emergono (più di 200.000 vittime in settant’anni) ci dice ancora una volta quant’è importante che le vittime vengano ascoltate e che la verità venga alla luce”, si legge nella petizione lanciata su Change.org da Paola Lazzarini, animatrice di “Donne per la Chiesa”. “La Chiesa italiana, pur avendo attivato dei servizi rivolti alle vittime, non ha ancora voluto una vera, sistematica, approfondita inchiesta sugli abusi che si sono verificati nel nostro Paese e questa è una grave mancanza, dal momento che nessun intervento può essere efficace finché non si conoscono le dimensioni del problema”.



“Riteniamo che questo grave ritardo debba essere recuperato e pertanto chiediamo, come battezzate e battezzati, alla presidenza della Conferenza episcopale italiana, di provvedere al più presto a commissionare una indagine analoga a quella francese ad un organismo altrettanto serio e indipendente. La nostra fiducia nella nostra Chiesa, incrinata dagli scandali, ha bisogno di questo passo. La verità del Vangelo lo richiede”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su