Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • A Tripoli la mostra ‘Libia-Italia: attività congiunte archeologia’

colonna Sinistra
Mercoledì 22 settembre 2021 - 16:21

A Tripoli la mostra ‘Libia-Italia: attività congiunte archeologia’

70 anni di lavori congiunto, iniziativa finanziata da min. Esteri

A Tripoli la mostra ‘Libia-Italia: attività congiunte archeologia’
Roma, 22 set. (askanews) – E’ stata inaugurata il 22 settembre nel Castello Rosso di Tripoli la mostra “Libia-Italia: attività congiunte nel campo della archeologia” , iniziativa volta a illustrare la profondità della cooperazione tra Italia e Libia nel settore dell’archeologia tramite il lavoro congiunto portato avanti negli ultimi 70 anni da archeologi di entrambi i Paesi.


Si tratta di un occasione unica per imparare a conoscere meglio siti e monumenti egli aspetti che hanno reso possibile questa intensa collaborazione, sottolinea una nota dell’Ambasciata d’Italia. L’evento inaugura inoltre l’iniziativa “Cooperazione in mostra”, ovvero un ciclo di tre esposizioni ispirate ispirate dalle tre principali aree geografiche della libia: Tripolitania, Cirenaica e Fezzan.



Le scuole locali sono al centro dell’iniziativa. Gli studenti possono infatti visitare l’esposizione sino alla fine di dicembre, quando sarà trasferita a Bengasi. L’evento. fortemente promosso dall’ambasciata di Italia a Tripoli, dal Dipartimento delle antichità della Repubblica libica e finanziato dal ministero degli Affari esteri italiano è organizzata dalla Fondazione Meda Mediterraneo Antico con la partecipazione di tutte le missioni archeologiche italiane attive in Libia.


L’inaugurazione della prima mostra coincide anche con la ripresa dei lavori nella tomba di Mitra, un sepolcro ipogeo romano che si trova nel centro di Tripoli, in cui è conservatai parte degli affreschi usati per decorare la cripta funebre.



La professoressa Busso capo di della missione archeologica dell’Università Roma 3, in coordinamento con l’Istituto centrale per il restauro (ICR), dirige i lavori di restauro finanziati dal ministero degli Affari esteri. Inoltre l’Italia attiverà presto corsi di specializzazione concepiti per lo staff tecnico del Dipartimento delle Antichità libico, con focus sulla archeologia subacquea. sulla conservazione dei mosaici e la gestione degli archivi.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su