Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • “Pronti a discutere la sospensione dei brevetti sui vaccini” (così von der Leyen)

colonna Sinistra
Giovedì 6 maggio 2021 - 12:49

“Pronti a discutere la sospensione dei brevetti sui vaccini” (così von der Leyen)

"Aperti a proposta Usa, ma il problema è blocco esportazioni"
“Pronti a discutere la sospensione dei brevetti sui vaccini” (così von der Leyen)

Bruxelles, 6 mag. (askanews) – L’Ue è pronta a discutere la proposta sulla sospensione dei brevetti dei vaccini anti-Covid, avanzata ieri dagli Stati Uniti, dopo che per mesi aveva respinto quest’ipotesi (pur senza escluderla mai del tutto) e favorito piuttosto la collaborazione volontaria fra imprese farmaceutiche, ma sottolinea che il problema più importante oggi è l’interruzione delle catene globali di approvvigionamento per la fabbricazione dei vaccini, a causa del blocco delle esportazioni attuato dalle altre maggiori economie.

“L’Ue è pronta a discutere qualsiasi proposta che affronti la crisi pandemica in modo efficace e pragmatico. E per questo siamo pronti a discutere come la proposta degli Stati Uniti per una rinuncia alla protezione della proprietà intellettuale per i vaccini anti Covid-19 possa aiutare a raggiungere questo obiettivo”, ha detto oggi la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel suo intervento introduttivo alla videoconferenza sullo “Stato dell’Unione” dell’Istituto universitario europeo di Firenze.

“Nel breve periodo, tuttavia – ha proseguito von der Leyen -, chiediamo a tutti i paesi produttori di vaccini di consentire le esportazioni e di evitare misure che interrompono le catene di approvvigionamento”.

L’Europa, ha sottolineato la presidente della Commissione, “è il principale esportatore di vaccini a livello mondiale. Finora, più di 200 milioni di dosi di vaccini prodotti in Europa sono state spedite nel resto del mondo. L’Europa esporta quasi la stessa quantità di vaccino che fornisce ai propri cittadini. Per essere chiari, l’Europa è l’unica regione democratica al mondo che esporta vaccini su larga scala”.

Le esportazioni europee, ha continuato von der Leyen, “vanno in oltre 90 paesi, vanno ai nostri stretti alleati come il Canada o il Regno Unito. E i nostri cari amici britannici hanno ricevuto un totale di 28 milioni di dosi dal Continente finora. Inoltre, 72 milioni di dosi sono state spedite in Giappone. E molti milioni anche ai nostri amici a Singapore, in Messico o in Colombia, per citare solo alcuni paesi. L’Europa è oggi la farmacia del mondo. L’apertura e la correttezza sono il marchio di fabbrica dell’Europa nel mondo, e ne siamo orgogliosi”, ha concluso la presidente della Commissione.

Loc/Int9

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su