Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Operazione Baltic Eagle II, gli F-35 italiani in Estonia

colonna Sinistra
Giovedì 6 maggio 2021 - 18:31

Operazione Baltic Eagle II, gli F-35 italiani in Estonia

Il contingente italiano guida la missione NATO, il saluto di Mulé
Operazione Baltic Eagle II, gli F-35 italiani in Estonia

Amari, 6 mag. (askanews) – Il 3 maggio 2021, con la cerimonia di handover-takeover presso la base aerea di Amari, in Estonia, si è svolto il passaggio di consegne tra il contingente della German Air Force e quello dell’Aeronautica Militare che ora è alla guida dell’operazione NATO di Enhanced Air Policing nel Paese baltico dove l’Arma azzurra schiera una task force di circa 130 militari, tra piloti, tecnici e specialisti, guidati dal colonnello Vincenzo Sirico e 4 nuovi caccia F-35 del 32esimo Stormo di Amendola (Fg), impiegati fino a fine agosto nell’ambito della Task Force “Baltic Eagle II”.

Dal 6 maggio 2021, la Task Force ha raggiunto la Full Operational Capability (FOC), cioé la piena capacità operativa per assicurare, con i quattro caccia di quinta generazione, la salvaguardia dello spazio aereo di Estonia, Lettonia e Lituania nel contesto dell’operazione NATO “Baltic Air Policing”.

Diverse le autorità presenti all’evento: per la parte italiana, il Sottosegretario di Stato alla Difesa, Giorgio Mulè, accompagnato dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso, dal Comandante della Squadra Aerea, Gen. S.A. Gianni Candotti, e l’Ambasciatore italiano in Estonia, S.E. Daniele Rampazzo; presenti inoltre alla cerimonia, svoltasi in linea con le restrizioni Covid, il Comandante dell’Allied Air Command (AIRCOM) della NATO, Gen. Jeffrey L. Harrigian ed il Comandante del German Air Operations Command, Gen Klaus Habersetzer, mentre per la parte estone hanno partecipato il Ministro della Difesa, Mr. Kalle Laanet, ed il Comandante delle Forze armate, Lt. Gen. Martin Herem.

“Sono onorato di essere qui – ha dichiarato il Sottosegretario Mulè,a margine della cerimonia – è la seconda volta, dopo la recente visita in Lituania, che mi reco nell’area baltica per portare un sincero messaggio di vicinanza a tutte le truppe dell’Alleanza Atlantica. La cerimonia odierna segna un altro avvicendamento di successo alla guida di una missione NATO di Air Policing e dimostra l’integrità, l’unità e la solidarietà della Nato agli alleati baltici”. Il Sottogretario Mulè ha quindi espresso parole di apprezzamento per “il grande lavoro svolto e l’elevato impegno dimostrato dal distaccamento dell’aeronautica militare tedesca”, sottolineando che “il contingente italiano è pronto, reattivo e determinato a dare il contributo richiesto per la pace, la libertà e la sicurezza collettiva”.

È la prima volta che i nuovi caccia F-35 vengono impiegati dalla NATO a protezione dei cieli del fronte orientale dell’Alleanza. Si tratta di un ulteriore primato per l’Italia e per l’Aeronautica Militare in questo ambito, dopo che nel 2019 gli F-35 di Amendola furono i primi in Europa ad operare nella missione di air policing a protezione dei cieli islandesi.

L’Aeronautica Militare rimarrà in Estonia per 7 mesi con i propri aerei, con il compito primario di contribuire all’integrità dello spazio aereo delle tre repubbliche baltiche di Estonia, Lettonia e Lituania, e condurre allo stesso tempo attività addestrative congiunte sia con le Forze Armate estoni sia con i partners NATO presenti nella regione.

Fondamentale il contributo fornito da numerosi reparti della Forza Armata per il rischieramento della Task Force Air in Estonia, in primis la 46esima Brigata Aerea di Pisa e il 14esimo Stormo di Pratica di Mare che, rispettivamente con aerei C-130J e KC-767A, hanno assicurato il trasporto di personale e materiale, nonché il rifornimento in volo agli F-35.

Per assicurare il funzionamento autonomo del Reparto, al fianco degli equipaggi di volo, opera personale tecnico di terra addetto alla linea di volo e all’efficienza dei velivoli, e personale proveniente da diversi reparti dell’Aeronautica Militare con compiti logistici e amministrativi. Al fine di garantire la necessaria cornice di sicurezza il personale della “Force Protection” del 32esimo Stormo è coadiuvato da un team del 16esimo Stormo “Fucilieri dell’Aria” di Martina Franca (Ta). Personale specializzato di vari reparti della 3ª Divisione del Comando Logistico è invece intervenuto per approntare e garantire la piena funzionalità delle attrezzature per le telecomunicazioni e l’assistenza al volo.

L’Air Policing è una missione della NATO finalizzata a preservare l’integrità dello spazio aereo della NATO nell’area di responsabilità del Supreme Allied Commander in Europe (SACEUR). Dal 2004, in particolare, è attiva senza soluzione di continuità la Baltic Air Policing (BAP), operazione che ha l’obiettivo di garantire la salvaguardia dello spazio aereo delle tre Repubbliche baltiche: Estonia, Lituania e Lettonia. L’Italia – che al momento è l’unico paese ad aver preso parte a tutte le operazioni di Air Policing della NATO – partecipa dal 2015 alle operazioni nell’area del Baltico: la prima missione in Estonia, con velivoli Eurofighter risale al 2018. In seguito, invece, l’Aeronautica Militare ha contribuito con diversi rischieramenti in Islanda, in Romania e in Lituania, dove da settembre 2020 fino a pochi giorni fa sono stati impegnati gli Eurofighter italiani. Dal 2014 sono state inoltre istituite le missioni di Enhanced Air Policing (eAP), tra cui rientra l’operazione in Estonia, con l’obiettivo di rafforzare la vigilanza della NATO sui confini del fronte orientale.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su