Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Approvato dal Parlamento europeo il regolamento del Recovery Fund

colonna Sinistra
Mercoledì 10 febbraio 2021 - 12:17

Approvato dal Parlamento europeo il regolamento del Recovery Fund

A larghissima maggioranza
Approvato dal Parlamento europeo il regolamento del Recovery Fund

Bruxelles, 10 feb. (askanews) – La plenaria del Parlamento europeo ha approvato a larghissima maggioranza, con 582 voti contro 40 contrari e 69 astensioni, il regolamento sul, funzionamento, gli obiettivi, il finanziamento e le regole di accesso del dispositivo Ue per la ripresa e la resilienza (“Recovery and Resilience Facility, Rrf), mediante il quale verranno distribuiti agli Stati membri 672,5 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti, finanziati con emissione di bond sui mercati, per contenere le conseguenze economiche della pandemia di Covid-19. Il voto si è svolto ieri sera ma i risultati sono stati resi noti stamattina.

Il dispositivo Rrf è la componente principale del piano per la ripresa “Next Generation EU” da 750 miliardi di euro. I fondi Ue dovranno essere impiegati dagli Stati membri a sostegno della transizione verde, della trasformazione digitale, delle politiche a favore dei giovani, della preparazione alle crisi (resilienza) e delle riforme strutturali indicate nelle “Raccomandazioni specifiche per paese” per rafforzare l’economia. Il rispetto dello Stato di diritto da parte dello Stato beneficiario è una condizione indispensabile per ricevere i finanziamenti.

Il dispositivo Rrf potrà finanziare progetti iniziati dal primo febbraio 2020. I fondi saranno disponibili per tre anni e gli Stati membri possono richiedere fino al 13% di prefinanziamento per i loro piani nazionali di ripresa e resilienza (Pnrr).

Per essere ammissibili al finanziamento, i piani nazionali si devono incentrare su politiche chiave dell’Ue quali la transizione verde, compresa la biodiversità, la trasformazione digitale, la coesione economica e la competitività, nonché la coesione sociale e territoriale. Potranno essere finanziati anche i progetti che si concentrano sulla reazione delle istituzioni alle crisi e sulle modalità per aiutarle a prepararvisi, come anche le politiche a favore dei minori e dei giovani, la pubblica istruzione e lo sviluppo di competenze.

Ciascun piano nazionale deve destinare almeno il 37% del proprio bilancio al clima e almeno il 20% alle azioni digitali. I piani dovranno avere un impatto duraturo sia in termini sociali che economici, includere riforme complessive e un robusto pacchetto di investimenti e non dovranno danneggiare in modo significativo gli obiettivi ambientali.

E’ previsto un meccanismo di dialogo e trasparenza che coinvolgerà il Parlamento europeo nel monitoraggio dell’attuazione del dispositivo Rrf, di cui è responsabile la Commissione, attraverso regolari audizioni ogni due mesi sullo stato della ripresa nell’Ue e delle modalità di realizzazione dei piani nazionali e dei loro obiettivi da parte degli Stati membri. La Commissione metterà a disposizione degli Stati membri un sistema integrato di informazione e monitoraggio per poter fornire informazioni comparabili su come vengono utilizzati i fondi.

Una volta che anche il Consiglio Ue lo avrà approvato formalmente, il regolamento Rrf entrerà in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Ue.

Loc/Int9

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su