Header Top
Logo
Mercoledì 12 Agosto 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Schiavone: “Uno scandalo” il raddoppio della tassa di cittadinanza

colonna Sinistra
Giovedì 7 novembre 2019 - 17:49

Schiavone: “Uno scandalo” il raddoppio della tassa di cittadinanza

"Inconcepibile" soprattutto in Paesi in condizione di crisi
Schiavone: “Uno scandalo” il raddoppio della tassa di cittadinanza

Roma, 7 nov. (askanews) – La proposta sulla tassa di cittadinanza, “contenuta nell’articolo 101” della Legge di Bilancio ora all’esame del parlamento “è uno scandalo”. Non usa mezzi termini il segretario generale del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (Cgie), Michele Schiavone, sottolineando come il “raddoppio della tassa per la cittadinanza per alcune aree geografiche è inconcepibile”.

Se l’aumento venisse approvato, si passerebbe da 300 a 600 euro per la pratica di riconoscimento della cittadinanza. Una cifra che “metterebbe in ginocchio soprattutto chi vive in Paesi in condizione di crisi e chi sta aspettando da tempo di vedersi riconosciuta la cittadinanza”.

Parlando alla stampa al termine dei tre giorni di lavori alla Farnesina del Comitato di presidenza della Cgie, Schiavone ha precisato come nello stesso articolo di legge sono previste anche tasse sui servizi consolari: “E non si può batter cassa senza fornire un adeguamento dei servizi”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su