Header Top
Logo
Sabato 21 Maggio 2022

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • I “mhackeroni” in Usa: hacker italiani cercano fondi per gara Las Vegas

colonna Sinistra
Sabato 3 agosto 2019 - 10:56

I “mhackeroni” in Usa: hacker italiani cercano fondi per gara Las Vegas

Campagna sul web per partecipare a competizione di cybersecurity
I “mhackeroni” in Usa: hacker italiani cercano fondi per gara Las Vegas

Roma, 3 ago. (askanews) – A corto di fondi, hanno lanciato una campagna di Crowd-funding sul web, con l’obiettivo dichiarato di raccogliere quanto basta per un viaggio a Las Vegas. Sono i “mhackeroni”, la principale squadra di ethical hacking italiana. Nel 2018 ha unito le forze delle migliori formazioni universitarie e professionali italiane per partecipare alla competizione di cybersecurity più prestigiosa: la finale mondiale del DEF CON Capture The Flag di Las Vegas, al via l’8 agosto. L’edizione dello scorso anno li ha visti piazzati al settimo posto. La partecipazione del 2019, invece, dipende dalle donazioni: alle 10:30 di oggi hanno raccolto 3.270 euro su un obiettivo di 10.000 euro.

Le donazioni, comunque, stanno accelerando e i “mhackeroni” non disperano di potercela fare. Sul piano della gara partono bene. Come spiegano gli ‘hacker etici’ tricolore sul loro sito web, “anche quest’anno saremo tra i finalisti: abbiamo infatti confermato gli ottimi risultati ottenuti nel 2018. Dopo il secondo posto alle selezioni su 600 squadre provenienti da tutto il mondo, ed il settimo posto alla finale mondiale, ad agosto torneremo a Las Vegas grazie alla nostra vittoria in Germania allo storico Chaos Communication Congress, punto di riferimento europeo per la sicurezza informatica – con un primo posto su oltre 600 squadre provenienti da tutto il mondo”.

Il problema però è come finanziare il soggiorno americano. Solo gli studenti romani del gruppo – riferisce questa mattina il quotidiano la Repubblica – hanno avuto una donazione dal Dipartimento di ingegneria della Sapienza, quello da cui viene il cyber zar italiano, Roberto Baldoni. E pure il Politecnico di Milano ha aperto i cordoni della borsa. Aziende come Bvtech, Cisco e Rev.ng, i cui logo figurano sul sito web dei “mackeroni”, hanno donato qualcosa. Bisogna incrementare il budget: al momento, la campagna online può contare su 90 donatori, 267 condivisioni e e 93 follower.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra