Header Top
Logo
Lunedì 18 Ottobre 2021

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Messico, El Chapo Guzman a processo: oggi la prima udienza a New York

colonna Sinistra
Lunedì 5 novembre 2018 - 08:35

Messico, El Chapo Guzman a processo: oggi la prima udienza a New York

Processo a porte chiuse per il più grande narcotrafficante al mondo
Messico, El Chapo Guzman a processo: oggi la prima udienza a New York

Roma, 5 nov. (askanews) – Si apre oggi a New York il processo a Joaquin “El Chapo” Guzman, il capo del cartello di Sinaloa considerato il più grande narcotrafficante al mondo. Guzman, che è rinchiuso in un carcere di massima sicurezza a Manhattan, è accusato di avere gestito, per circa 25 anni, il contrabbando di oltre 155 tonnellate di cocaina negli Stati Uniti, accumulando una fortuna persino superiore al colombiano Pablo Escobar. Dovrà rispondere di 17 capi d’imputazione, compresi il riciclaggio di denaro sporco e la cospirazione per omicidio.

Il processo a Brooklyn, che costerà milioni di dollari e dovrebbe durare più di quattro mesi, vedrà uno dei criminali più famosi al mondo contrapporsi al sistema giudiziario americano, dopo il suo arresto in Messico e l’estradizione negli Stati uniti. La selezione della giuria sarà compiuta nella più stretta riservatezza per ragioni di sicurezza, una procedura riservata solo ai casi di imputati molto pericolosi. Il giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti, Brian Cogan, presiederà il processo a porte chiuse.

El Chapo Guzman è stato estradato nel 2017 dopo essere scappato due volte da una prigione di massima sicurezza in Messico – prima nascosto in un carrello della lavanderia, poi attraverso un lungo tunnel scavato sotto la sua cella. Ora, se ritenuto colpevole, il leader del cartello di Sinaloa potrebbe trascorrere in carcere il resto della sua vita.

Il cartello di Sinaloa, che Guzman ha fondato nel 1989, è ancora molto potente. Il suo co-imputato Ismael “El Mayo” Zambada è ancora in libertà e il traffico di droga – legato a omicidi, sparizioni ed altri episodi di violenza – prosegue senza sosta in Messico. L’anno scorso, il Paese è stato testimone di 29.000 assassini. Negli Stati Uniti, la dipendenza da oppiacei si è trasformata in una vera epidemia. Nel 2016, 174 americani sono morti – mediamente – ogni giorno negli Usa per overdose.

(con fonte afp)

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra