Header Top
Logo
Lunedì 6 Febbraio 2023

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Che cos’è lo “smart-vibratore” che spia gli utenti

colonna Sinistra
Martedì 14 marzo 2017 - 12:44

Che cos’è lo “smart-vibratore” che spia gli utenti

L'ultima frontiera del sesso online
20170314_124442_AFCCF967

Roma, 14 mar. (askanews) – Potrebbero essere l’ultima frontiera del sesso online, ma al momento si stanno dimostrando un’ulteriore minaccia alla privacy. Un tribunale dell’Illinois, Usa, ha ordinato a We-Vibe, produttore canadese di vibratori “smart” di pagare una multa perché i suoi prodotti tracciavano dati sulle abitudini sessuali dei clienti senza il loor consenso. Lo racconta oggi il Guardian.

Tutto nasce da una class-action intentata dai clienti del vibratore We-Vibe 4 Plus, un accessorio da un centinaio di dollari connesso al bluetooth e controllato da un’app che – secondo la pubblicità della compagnia – “permette alle coppie di tenere accesa la loro fiamma, insieme o separamente”.

Sostanzialmente, il vibratore consente alla coppia di controllare il vibratore da remoto, anche attraverso il web.

Tuttavia la app ha mostrato di avere una gran quantità di vulnerabilità. Inoltre, i dati sono raccolti dalla Standard Innovation, la casa madre di We-Vibe: temperatura dell’apparato, intensità della vibrazione. Tutte caratteristiche che forniscono importanti informazioni sulle abitudini sessuali degli utenti.

A svelare i problemi sono stati gli hacker “goldfisk” e “follower” alla conferenza Def Con a Las Vegas. Lì, tra le altre cose, hanno messo in guardia da possibili “attivazioni abusive del vibratore, che corrispondono a potenziali violenze sessuali”.

In base alla sentenza della corte, ogni cliente del We-Vibe 4 Plus potrà ottenere un risarcimento di 10mila dollari.

Mos-Int5

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra