Header Top
Logo
Domenica 5 Dicembre 2021

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Esteri
  • Studio: danni cerebrali permanenti per reduci Usa Iraq-Afghanistan

colonna Sinistra
Mercoledì 13 gennaio 2016 - 21:40

Studio: danni cerebrali permanenti per reduci Usa Iraq-Afghanistan

I soldati esposti a esplosioni come i vecchi boxeur
20160113_214023_BDF75ACA

Roma, 13 gen. (askanews) – Il cinema, la letteratura di questi anni l’hanno raccontato, oggi c’è anche la sanzione della medicina: molti militari rientrati dall’Iraq e dall’Afghanistan soffrono a livello emotivo dei danni permanenti procurati a specifiche aree del loro cervello dalle ripetute esplosioni alle quali sono stati esposti in zona di guerra. Lo sostiene uno studio pubblicato oggi.

C’è una mole enorme di rapporti che parlano di militari colpiti dalla lesione traumatica cerebrale leggera (Mild traumatic brain injury, mTBI), che è stata diagnosticata almeno a 250mila militari ed ex militari utilizzati in Iraq e Afghanistan. Ma finora non si era determinato come esattamente il cervello veniva colpito e quali fossero gli effetti emotivi della patologia. Lo studio pubblicato su Science Transnational Medicine fa proprio questo.

I neurologi, esperti di traumi cerebrali presso il VA Puget Sound Health Care System e presso l’Università di Washington hanno scoperto che più questi militari sono stati esposti alle esplosioni delle bombe o delle armi da fuoco leggere, più soffrono di cambiamenti cronici dell’attività dei loro neuroni in specifiche regioni del cervello.

Gli scienziati hanno inoltre verificato che le persone esposte perdevano dei neuroni nelle stesse regioni del cervello, un po’ come è stato verificato una quarantina d’anni fa per gli ex boxeur, sofferenti per l’encefalopatia traumatica cronica.

(Fonte Afp)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su