Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Martedì 24 gennaio 2023 - 12:01

Visa entra a far parte del Fintech District

Per supportare la crescita dell'ecosistema fintech italiano

Visa entra a far parte del Fintech District
Roma, 24 gen. (askanews) – Visa sigla una partnership con Fintech District, community internazionale di riferimento per il panorama fintech italiano, di cui entra a far parte con l’obiettivo di contribuire all’evoluzione dell’ecosistema fintech in Italia e favorire l’innovazione e lo sviluppo della prossima generazione di soluzioni di pagamento, in grado di migliorare la vita di consumatori, aziende e comunità.


“Lo scenario dei pagamenti è in continua evoluzione e, quando si parla di innovazione, le fintech sono sempre in prima linea”, spiega in una nota Eva Ruiz, Head of Fintech Southern Europe di Visa. “Visa è da tempo attiva nel panorama fintech con una serie di programmi che ne supportano la crescita e con un approccio “aperto” alla nostra rete, che permette loro di trarre vantaggio dalla scala globale, dalle tecnologie e dalle performance di sicurezza di Visa. La partnership con Fintech District ci permetterà di espandere ulteriormente il nostro network in Italia, dandoci la possibilità di collaborare con numerose realtà leader del panorama fintech italiano e di fare la nostra parte per contribuire alla crescita del settore”.



“Nella nostra community sono presenti oltre 250 aziende fintech e alcune di queste negli ultimi anni si sono distinte nel mondo dei pagamenti proponendo nuovi modelli che hanno letteralmente rivoluzionato il mercato. Siamo certi che il dialogo diretto con un player come Visa darà un ulteriore boost al settore per la creazione di soluzioni in grado di soddisfare le aspettative sempre più evolute dei consumatori. Per noi è motivo di orgoglio vedere Fintech District continuare a crescere ed attrarre partner internazionali di primo piano come Visa. Il nostro obiettivo è favorire il dialogo per la nascita di progetti di Open Innovation, la collaborazione tra fintech e incumbent si conferma infatti la chiave per l’evoluzione dei servizi finanziari”, commenta Clelia Tosi, Head of Fintech District.


Fra le iniziative, possiamo citare il programma “Fintech Fast Track”, che ha aiutato finora un centinaio di fintech europee ad accedere al sistema dei pagamenti in qualità di partecipanti diretti, consentendo loro di fornire ai propri clienti prodotti e servizi migliori, tra cui una serie di nuove soluzioni di pagamento.



Un’altra importante iniziativa è il Fintech Partner Connect, programma che fornisce alle istituzioni finanziarie e agli esercenti una suite di funzionalità avanzate, combinando le competenze e le soluzioni Visa con quelle di partner fintech accuratamente selezionati.


Sul fronte della sostenibilità, per esempio, Visa collabora con ecolytiq, il suo primo partner fintech in tale ambito, la cui innovativa soluzione Sustainability-as-a-Service® analizza i dati di pagamento in tempo reale per integrare ogni transazione con il calcolo individuale dell’impronta ambientale, relativamente per esempio alla CO2, e suggerisce azioni per compensarla.



Tra gli ultimi ingressi nel Fintech Partner Connect figura Switcho, membro della community del Fintech District, che ha sviluppato l’omonima app per aiutare i propri utenti, tra cui PMI e professionisti, ad analizzare le spese ricorrenti, come elettricità, gas, internet, telefonia e assicurazioni, aiutandoli a risparmiare.


Tale impegno di Visa dimostra la volontà della società di fornire nel settore fintech soluzioni di pagamento agili e innovative in un ambiente sempre più digitale.


“L’offerta di servizi finanziari non è più riservata solo alle entità regolamentate e ciò è possibile grazie al Banking as a Service, che ha aperto sempre più opportunità fintech, consentendo a soggetti diversi dalle istituzioni finanziarie di integrare la propria offerta con servizi quali una carta o un conto bancario, ma anche pagamenti istantanei o proposte di prestito migliorate grazie all’Open Banking”, aggiunge Eva Ruiz. “Lavoriamo in tutti i settori verticali nel mondo del fintech, tra cui criptovalute, Buy Now Pay Later, Open Banking, pagamenti B2B, non limitandoci all’emissione delle credenziali di pagamento, ma includendo anche l’abilitazione di soluzioni innovative nel campo dell’accettazione”.


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su