Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Toscana, presentata terza edizione del Chianti Economic Forum

colonna Sinistra
Martedì 24 gennaio 2023 - 17:57

Toscana, presentata terza edizione del Chianti Economic Forum

Il 3 febbraio alla Cantina Antinori del Chianti Classico

Firenze, 24 gen. (askanews) – È stata presentata al Media Center Sassoli a palazzo del Pegaso la terza edizione del forum “RePower Chianti: energie per il Futuro” che si svolgerà il 3 febbraio alle Cantine Antinori a San Casciano Val di Pesa (località Bargino). All’interno dell’iniziativa del Forum verranno assegnati anche i premi #ChiantiTesi, per tesi di laurea volte a sostenere, analizzare e valorizzare lo sviluppo delle economie locali.


L’obiettivo del Chianti Economic Forum, che si terrà nel pomeriggio del 3 Febbraio alla Cantina Antinori nel Chianti Classico, è di portare il dibattito riguardante la Transizione Verde sul piano locale. Chianti Economic Forum è un’associazione senza scopo di lucro che si ripropone di facilitare e promuovere l’interazione ed il confronto tra i vari attori socio-economici che hanno a cuore lo sviluppo economico del Chianti creando opportunità di discussione e confronto su grandi tematiche intersettoriali e favorendo la comprensione dei trend e dei cambiamenti che influenzano il mercato e l’economia, sia locale che globale.



“Sono molto orgoglioso di presentare nella casa di tutti i toscani – ha detto Antonio Mazzeo presidente dell’Assemblea toscana – l’iniziativa del prossimo 3 febbraio del Chianti Economic Forum, dal titolo emblematico: “RePower Chianti: Energie per il Futuro”. Nel mio mandato, l’idea di immaginare il futuro, guidando i processi e scegliendo qual è la traiettoria di futuro desiderabile per la Toscana è la priorità, tanto che uno dei progetti a cui tengo di più è Toscana 2050. Per questo iniziative come il Chianti Economic Forum sono di enorme valore per noi, perché riescono a mettere al centro del dibattito le comunità locali nella concezione dello sviluppo. Perché la traiettoria di sviluppo di un territorio non può essere calata dall’alto e l’energia di un territorio in termini di risorse umane, creatività e innovazione è ancora più importante nella concezione di uno sviluppo sostenibile. Di tutto questo ne discuteremo il 3 febbraio alle cantine Antinori, insieme all’ex ministro Giovannini, alle aziende del territorio e alle parti sociali.”




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su