Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Aeroporti, con investimenti gestori -58mila ton CO2 annuì 

colonna Sinistra
Mercoledì 23 novembre 2022 - 13:27

Aeroporti, con investimenti gestori -58mila ton CO2 annuì 

Assaeroporti: "Stato sostenga scali sulla decarbonizzazione"

Aeroporti, con investimenti gestori -58mila ton CO2 annuì 
Roma, 23 nov. (askanews) – Gli investimenti programmati dalle società di gestione aeroportuale consentiranno di abbattere le emissioni di CO2 di 58mila tonnellate all’anno. È quanto emerge da un rapporto ICCSAI presentato nel corso di un convegno di Assaeroporti.


Lo studio ha evidenziato come i consistenti interventi in corso e pianificati dai gestori aeroportualiconsentiranno di abbattere oltre 58 mila tonnellate(58.281) di CO2 all’anno e come per ogni tonnellata risparmiata sia necessario investire 649 euro. Un valore questo che certifica l’impegno e l’onerosità per gli aeroporti nel ridurre ulteriormente le emissioni ad essi attribuibili. Gli scali aeroportuali inoltre, sebbene contribuiscano solo per il 5% alle emissioni totali del settore aereo in Italia, svolgono un ruolo centrale nel promuovere azioni sostenibili da parte degli altri soggetti che operano e gravitano attorno al comparto.



“I gestori aeroportuali, come certifica lo Studio oggi presentato, sono già fortemente impegnati nella realizzazione di investimenti green e digital, perché convinti che la sostenibilità non sia un vincolo ma una leva per lo sviluppo e la competitività del settore – ha spiegato il Presidente di Assaeroporti Carlo Borgomeo -. Il sistema aeroportuale italiano, infatti, è a livello europeo tra i più impegnati in tale direzione. Dal Rapporto ICCSAI emerge che gli ulteriori progetti definiti dagli aeroporti comportano investimenti valutabili in oltre 1.100 milioni (un miliardo e cento milioni) di euro, di cui 500immediatamente cantierabili. La nostra richiesta alle istituzioni è di misure che ci consentano di accelerare la realizzazione di questi progetti. Naturalmente continueremo a fare la nostra parte ma è evidente che è necessario un sostegno pubblico».




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su