Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Carvago.com: prezzi auto usate -6,6% nel II trimestre 2022

colonna Sinistra
Giovedì 14 luglio 2022 - 21:11

Carvago.com: prezzi auto usate -6,6% nel II trimestre 2022

Fiat Panda ancora sul podio

Carvago.com: prezzi auto usate -6,6% nel II trimestre 2022
Roma, 14 lug. (askanews) – Dopo un anno di crescita quasi ininterrotta dei prezzi, il mercato delle auto usate sta iniziando a “raffreddarli”, forse sorprendentemente, visto il forte trend inflazionistico osservato in molti Paesi europei. Uno scenario, spiega in una nota il sito specializzato carvago.com, che è derivato da molteplici fattori: dal punto di vista dell’offerta, in primis, l’industria automobilistica continua a riprendersi gradualmente dagli shock della catena di approvvigionamento indotti dalla pandemia, il che significa che i clienti stanno prendendo in consegna i loro nuovi veicoli e scambiando quelli vecchi in numero maggiore rispetto agli ultimi mesi. Sul fronte della domanda, il rallentamento stagionale estivo è accelerato quest’anno dai sentimenti di incertezza e dalle prospettive economiche sfavorevoli causate, direttamente o indirettamente, dall’invasione russa in Ucraina.


In tutti i mercati Carvago, i prezzi dei veicoli usati fino a 5 anni sono diminuiti nel 2° trimestre in Germania (-9,5%), Slovacchia (-7,9%), Italia (-6,6%) e Repubblica Ceca (-1,2%), con la Polonia che rappresenta l’unica eccezione in cui i prezzi hanno continuato a crescere, anche se molto più lentamente rispetto al trimestre precedente (+3,0 vs +13,7%). La popolarità delle auto diesel varia notevolmente, dal 65% in Slovacchia al 36% in Germania. I veicoli elettrici a batteria usati (BEV) rimangono un mercato di nicchia anche in Germania (2,1%), ma la loro quota cresce inversamente all’età dell’auto. Per i veicoli fino a 3 anni, la quota è del 4,5%. L’Italia vede esattamente la stessa quota di BEV in questa fascia di età. La Repubblica Ceca è di gran lunga il Paese più pessimista nei confronti degli EV, con una quota di BEV del 2,1% tra i veicoli fino a 3 anni, rispetto al 3,9% della Polonia e al 2,6% della Slovacchia. (Detto questo, i dati della Slovacchia vanno presi con le pinze, poiché molti veicoli pubblicizzati per la vendita si trovano in realtà altrove, in genere in Germania, e i venditori li importano solo quando un cliente effettua un ordine).



“Quando ci si trova di fronte all’annosa situazione, se optare per un’auto nuova o acquistare un’auto usata, non si può certo evitare di considerare il prezzo di listino da sostenere nell’immediato. Anzi, sembra che ancora oggi questo sia l’ago della bilancia per i consumatori che li spinge verso il segmento dei veicoli usati – ha dichiarato Antonio Gentile, Country Manager di Carvago.com in Italia -. Anche se nel 2022, questi costano decisamente di più rispetto a un paio di anni fa, di fatto restano i meno costosi. L’aumento dei prezzi che ha interessato il mercato delle auto usate, infatti, non ha risparmiato quello dei veicoli di nuova immatricolazione. Oggi si spende molto per acquistare un’auto, e questo vale per qualsiasi tipo di veicolo si scelga”.


La sensazione generale di incertezza ha contribuito a creare un ambiente favorevole per i consumatori disposti ad acquistare un veicolo usato, nonostante le prospettive economiche negative. I prezzi sono scesi nel 2° trimestre, così come il chilometraggio. I marchi premium tedeschi continuano a essere forti contendenti, assicurandosi un posto nella Top 5, seppur siano tipicamente associati a modelli più grandi ed importanti, mentre gli italiani sono noti per amare le loro auto piccole e carine.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su