Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Mente e cuore in equilibrio, riducono gli errori sul lavoro del 70%

colonna Sinistra
Giovedì 16 giugno 2022 - 14:11

Mente e cuore in equilibrio, riducono gli errori sul lavoro del 70%

Sono i risultati del metodo Rqi, confermato da 280 studi scientifici e nato dieci anni fa in Italia

Mente e cuore in equilibrio, riducono gli errori sul lavoro del 70%
Roma, 16 giu. (askanews) – Mettere in asse mente e cuore per parlare al proprio inconscio che è responsabile, dal 95 al 99% dei casi, della nostra vita e dei relativi problemi che ne derivano. Compie dieci anni il metodo Rqi che ha lo scopo di rendere le persone indipendenti lavorando appunto sul proprio io interiore e liberandole da pesi spesso eliminabili: “Rqi -spiega il suo ideatore, Marco Fincati- è l’acronimo di Riequilibrio quantico integrato e vuole integrare le conoscenze della scienza con la saggezza delle antiche filosofie. Guarda alla medicina cinese ma trae ispirazione anche dalla fisiologia, dalle biotecnologie e dagli elementi propri delle culture orientali”.


Un mix esplosivo che riesce a far ritrovare l’equilibrio perso: “Oltre 30.000 persone stanno utilizzando il metodo RQI -spiega Fincati- abbiamo testimonianze di Migliaia di risoluzioni di problematiche legate alla salute, alle relazioni e alle finanze. Un metodo, il nostro, che permette di individuare ed eliminare tutte le cause che ci impediscono l’auto-guarigione e di risolvere problemi fisici, energetici, psicologici e spirituali. Quando si è in coerenza (mente cuore), diventa possibile centrare qualsiasi obiettivo, di natura economica, di salute e, ovviamente, di carattere relazionale. Alcuni studi hanno dimostrato che l’equilibrio così raggiunto elimina gli errori, nel proprio campo lavorativo, di oltre il 70%”.



Ad accertare la validità del metodo oltre 280 studi scientifici: “Sono tante le pubblicazioni che rendono merito all’Rqi. Il 70% in meno di errori -continua Fincati- è stato ad esempio accertato da un istituto di ricerca americano che da 25 anni esegue test scientifici. Quello studio ha dimostrato che chi riesce a stare ‘in coerenza’ per almeno sessanta minuti ogni giorno riduce, in quella percentuale così importante, la probabilità di sbagliare. Un tema di grande impatto sociale: si pensi ai chirurghi ma anche agli avvocati, ai commercialisti e, perché no, ai piloti di Formula Uno o, più in generale, a chi fa sport a livello agonistico”.


Ma non solo: l’istituto americano ha creato un dispositivo per misurare il proprio stato di coerenza. “E sapete che ne è uscito fuori? Su oltre cinque milioni di utilizzatori in tutto il mondo -rileva Fincati- quelli che risultano più in coerenza vivono in Italia e praticano il nostro metodo. Queste misurazioni insomma dimostrano che l’Rqi è, da un punto di vista statistico, il 6000% più efficace nel raggiungere la coerenza rispetto ad altre tecniche di meditazione praticate magari da millenni. Ma quello americano è soltanto uno dei tanti studi mondiali. Mi piace citare, fra le tante ricerche, quella dell’università di Amsterdam che ha eseguito sul nostro metodo un vero e proprio test antropologico”.



Gli utili del metodo Rqi sono utilizzati per finanziare i progetti ‘Penisola italica’ che hanno l’obiettivo di creare punti di aggregazione volti alla rinascita sociale e culturale: “Credo talmente in Rqi -conclude Fincati- che ho sempre rifiutato di vendere l’esclusiva del mio metodo e, più in generale, delle Biotecnologie Olistiche. Le proposte fanno gola, ovvio, ma qui c’è in gioco qualcosa più importante dei soldi: fare comunità. Per questo, i ricavi li utilizziamo per dare una mano ai privati e alle piccole e medie imprese, il cuore pulsante dell’Italia”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su