Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Bankitalia vara aspettative di vigilanza su rischio clima e banche

colonna Sinistra
Venerdì 8 aprile 2022 - 13:25

Bankitalia vara aspettative di vigilanza su rischio clima e banche

Indicazioni a carattere generale non vincolanti

Bankitalia vara aspettative di vigilanza su rischio clima e banche
Roma, 8 apr. (askanews) – La Banca d’Italia ha elaborato un primo insieme di “aspettative di vigilanza” sull’integrazione dei rischi climatici e ambientali nelle strategie aziendali, nei sistemi di governo, controllo e gestione dei rischi e nella informativa al mercato delle banche e degli istituti finanziari sottoposti alla sua supervisione. Secondo quanto riporta un comunicato, forniscono indicazioni di carattere generale non vincolanti e la loro declinazione a livello operativo è rimessa al singolo intermediario.


La singola banca, dice l’istituzione “accerterà in via autonoma la rilevanza delle tematiche per il proprio modello di business, applicando soluzioni coerenti con il grado e l’intensità di esposizione ai rischi, in funzione di tipologia, dimensione e complessità delle attività svolte e dell’apparato aziendale”.



Il documento, in linea con iniziative analoghe adottate a livello di Bce, è rivolto ai soggetti vigilati e autorizzati dalla Banca d’Italia ai sensi del Testo Unico Bancario e del Testo Unico della Finanza: banche, Sim, Sgr, Sicav/Sicaf autogestite, intermediari finanziari ex Articolo 106 Tub e relative società capogruppo, istituti di pagamento, Imel), secondo un principio di proporzionalità, in base alla complessità operativa, dimensionale e organizzativa, nonché all’attività svolta.


La Banca d’Italia avvierà nel corso del 2022 un primo confronto con gli intermediari sul grado di rispondenza alle aspettative e sui piani di adeguamento. Tale valutazione, si legge, sarà inclusa nei percorsi di analisi di vigilanza, con l’obiettivo di assicurare il progressivo allineamento delle prassi aziendali alle aspettative.



La Banca d’Italia si riserva la possibilità di integrare il documento nel corso del tempo, per tenere conto dello sviluppo delle migliori prassi e dell’evoluzione del quadro normativo di riferimento, eventualmente ampliandolo anche alle tematiche sociali e di governance.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su