Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Visco: guerra Ucraina lascerà profonde ferite sociali e economiche

colonna Sinistra
Giovedì 31 marzo 2022 - 10:53

Visco: guerra Ucraina lascerà profonde ferite sociali e economiche

Si richiano pesanti ricadute su energia, prezzi e scambi

Visco: guerra Ucraina lascerà profonde ferite sociali e economiche
Roma, 31 mar. (askanews) – “Gravi tensioni geopolitiche minacciano oggi la pace in Europa e nel mondo. L’invasione russa in Ucraina, oltre al dramma di lutti, violenze, distruzioni che reca con sé, è destinata a produrre ferite sociali ed economiche profonde”. Lo ha affermato il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, nella Relazione all’Assemblea ordinaria dei Partecipanti.


“È una rottura drammatica del processo di integrazione economica e finanziaria internazionale che, se non risolta rapidamente in modo pacifico – ha avvertito – potrebbe avere pesanti ripercussioni sull’approvvigionamento energetico dell’Europa, sull’inflazione, sulla domanda interna e sugli scambi internazionali. Non ultimo sul rispetto dei tempi della transizione energetica”.



Da parte della Bce “non vi saranno modifiche dei tassi di interesse ufficiali prima della fine degli acquisti netti” di titoli effettuati con il programma App e “successivamente si prevede che esse saranno graduali”, ha ribadito il governatore. “L’ammontare delle operazioni” di queti acquisti netti di titoli del terzo trimestre “dipenderà dall’evoluzione delle prospettive di inflazione a medio termine. Il reinvestimento del capitale rimborsato sui titoli in scadenza avverrà fino a quando sarà necessario – ha ricordato – per mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario”.


Nel 2021 l’ammontare totale del bilancio della Banca d’Italia è aumentato di 242 miliardi, raggiungendo quota 1.538 miliardi, prevalentamente a seguito di ulteriori opeaizoni di acquisti di titoli per finalità di politica monetaria, decise a livello di Bce e eurosistema, e per operazioni di rifinanziamento alle istituzioni creditizie. L’utile netto si è attestato a 5.945 milioni, da 6.286 milioni nel 2020 e da questo sono stati assegnati ai Partecipanti dividendi per 340 milioni, misura uguale a quella dello scorso anno. L’ammontare devoluto allo Stato è pari a 5.565 milioni.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su